sabato, 23 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Se potessi avere mille euro all’anno
Pubblicato il 13-03-2014


Speriamo che sia tutto vero. Matteo Renzi ha presentato dunque in stile Director Erbalife le sue decisioni. “Il governo secondo Matteo” ha dunque deliberato di stanziare dieci miliardi di euro da inserire in busta paga per lavoratori dipendenti con detrazioni Irpef per i redditi inferiori ai 25 mila euro l’anno. Dunque è stata sostanzialmente accolta la preoccupazione di chi riteneva che, estendendo la detrazione anche agli autonomi, potessero essere premiati anche gli evasori. Ma non basta.

In un esplosivo giorno da leoni Renzi ha anche stanziato due miliardi per abbassare l’Irap, l’odiosa tassa sulla produttività della aziende, tre miliardi e mezzo per l’edilizia scolastica, altri due per abbassare il costo dell’energia, poi il sostegno all’edilizia popolare, e infine lanciato il Jobs act, in due tempi, prima il decreto sui contratti a termine che si prolungano a tre anni, da uno che erano, e poi la riforma degli ammortizzatori sociali rinviata alla legge delega. Infine lo sblocco delle risorse che dovranno consentire il pagamento degli enti locali, questo tra qualche giorno.

Tutto in un annuncio, con slogan efficaci e ad effetto. Dieci miliardi a dieci milioni di italiani, cento giorni, come quelli di Napoleone, per la svoltabuona. Con la legge elettorale già approvata dalla Camera. La previsione di Matteo ha sforato solo di una settimana. Meraviglioso.

Noi non possiamo che commentare estasiati, quasi commossi. Che possa essere la svolta buona è davvero auspicabile per l’Italia che soffre. E che Matteo sia una sorta di uomo della provvidenza, ci potrebbe anche stare. Lasciamo perdere i precedenti che non si presentano mai in forme uguali. Restano tre domande non di poco conto. La prima riguarda il rapporto tra le decisioni, i decreti legge e i disegni di legge. Qui bisognerebbe essere un po’ piu chiari. Gli strumenti legislativi sono complessi, esistono anche i decreti attuativi, una volta approvata una legge.

Il Jobs act, ad esempio, rinviato a un disegno di legge delega significa un rinvio anche di un anno. Prima di dire gatto, proverbio popolare, mettilo nel sacco no? Poi una seconda, ovvia, sulle coperture. Le fonti oggi conosciute sono due: la spending review e la tassazione delle rendite finanziarie. Sulla prima Cottarelli ha annunciato di aver scovato 3 miliardi dei dieci stanziati, altri sette sono previsti entro al fine dell’anno. Dove e come ancora non è chiaro.

Sulle rendite finanziarie, oltre ai rischi intravisti da De Vico sul Corriere di oggi, restano i dubbi sulla capacità di prevederne i risultati per la spirale tra risorse presenti oggi e domani con la nuova tassazione cge passa dal 20 al 26 per cento. Probabilmente esiste anche un tesoretto di Letta dovuto al minor spread rispetto a quello previsto. Non sappiamo a quanto ammonti. Speriamo che il conto torni, perché la cifra prevista che, secondo i calcoli dei provvedimenti annunciati arriverebbe a sfiorare i cento miliardi, é davvero enorme.

Infine, terza domanda che riguarda il recente passato. Possibile che Letta non si sia mai accorto di questa grande opportunità e abbia continuato a cercare in Europa interlocutori dei quali oggi Renzi sembrerebbe poter fare a meno? Siamo a un bivio. Delle due l’una. O Letta ha dormito, di fatto costruendo così la sua tomba, oppure aveva anche lui previsto provvedimenti analoghi e poi sottratti sul più bello. In parte questa ammissione l’ha fatta in tivù l’ex ministro Saccomanni. Ma a prescindere da questa valutazione, resta dinnanzi ai nostri occhi l’ammissione sofferta della Camusso, che annunciava il suo entusiasmo con lo spirito di un condannato a morte. Mai gioia è stata manifestata con tanta tristezza. Mai ossimoro e stato così ben raffigurato come dall’espressione del segretario della Cgil. E qui entra in gioco la politica. Renzi non solo ha fatto a meno dell’Europa, ma anche del sindacato, e in parte proprio di quello più grande, nel quale ha privilegiato la minoranza Fiom. “Ha copiato le nostre proposte”, ha dovuto ammettere il leader della Cgil, e non capivi se volesse anche pretendere i diritti d’autore. Noi, invece, guardiamo ai fatti e ci auguriamo per l’Italia, per il governo, e anche per Renzi, che sia tutto vero.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ammesso e non concesso che gli annunci di Renzi siano veramente concretizzabili, faccio notare che ad oggi di certo c’è l’aumento delle tasse sulla casa, la promessa di un robusto taglio delle rendite finanziarie e le ulteriori fregature per i pensionati che si vedono esclusi dai benefici promessi. Non solo, chi con una vita di lavoro e di alti contributi ha una pensione decente rischia di vedersela tagliare. Mi aspetto che i parlamentari socialisti non barattino queste porcherie con un posto da viceministro.

  2. L’attacco di Renzi ai Sindacati è la conferma di una visione della Società distorta annullando le Rappresentanze. Peraltro stabilire un rapporto privilegiato con Landini e utilizzarlo contro la Camusso è la dimostrazione di un grave comportamento di strumentalità e di arroganza. Quando dovrà affrontare i problemi degli esuberi di personale e del loro spostamento in altri Enti e Strutture chiederà “aiuto e comprensione” alla Camusso e agli altri Sindacati. Continuo ad essere scettico su Renzi e sul PD.

  3. caro Del Bue, non solo si deve essere cauti ma considerare che le poche cose buone ‘concrete’ dello show del Renzie (Irpef, semplificazioni per il lavoro ecc) sono figlie della sinistra riformista. Quella che lui in realtà non conosce nè probabilmente capisce. Insomma non solo attenzione ai tempi e alle coperture reali, ma aspettiamoci varie piroette dal garrulo boy scout fiorentino. La questione resta politica: il PD è (purtroppo) un minestrone mal riuscito , il PSI attuale è (purtroppo) marginale e occorre rilanciare un grande progetto socialista.Carlo51

  4. Caro direttore,
    Renzi ha si toccato i redditi medio bassi dei lavoratori dipendenti ma ora come ora non ha toccato gli ultimi, i disoccupati, gli inoccupati, chi un lavora l’aveva e ora non piu. Che siano sufficienti le misure del Jobs Act, come mi auguro, lo vedremo solo tra un paio di anni, se la cosa parte subito. A mio avviso era meglio insistere di piu sull’IRAP prevedendo sgravi per le imprese collegate ad un programma di assunzioni e un piano di redistribuzione della ricchezza quale ad esempio la sottoscrizione di un contratto collettivo aziendale. In tale modo si sarebbe potuto aiutare chi gia lavora e dare un apossibilità a chi non lavora proprio. Non dimentichiamoci però le milioni di partite IVA, per lo piu giovani, senza nessuna tutela e che nei prossimi anni saranno chiamati a sostenere, anche economicamente, la società italiana destinata ad invecchiare. Non sono figli del diavolo o della serva, sono persone che per lavorare, spesso malpagati, devono aprire loro malgrado una partita IVA. Mi aspetto che nelle mille riforme di Renzi ci sia una possibilità anche per loro per migliorare la loro condizione, di sicuro per questi non ci sarà una CGIL pronta ad immolarsi in uno sciopero generale.

Lascia un commento