mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Tiraboschi: “Biagi avanti rispetto a politici e sindacati”
Pubblicato il 21-03-2014


Marco-Biagi“Sono passati dodici anni dalla sua morte, eppure Marco Biagi è ancora molto più avanti di molti degli attori politici e sindacali che dominano la scena pubblica del nostro Paese”. Michele Tiraboschi, giuslavorista, ha riassunto così con Labitalia il suo personale ricordo di Marco Biagi, il professore ucciso a Bologna 12 anni fa, a cui Tiraboschi era particolarmente vicino. Del professor Marco Biagi, non solo rimane vivo il ricordo della sua persona, ma soprattutto continuano a suscitare riflessioni i suoi studi e le sue intuizioni sulla modernizzazione del nostro mercato del lavoro. Quanto di questo immane lavoro, portato avanti dal professore di Modena, sia ancora valido Tiraboschi lo ha spiegato a Labitalia.

“Nel caso di Marco Biagi – ha osservato Tiraboschi – mantengono intatta la loro validità non solo le tante intuizioni, ma anche il metodo di lavoro. Biagi è stato uno dei pochi tecnici prestati alla politica che non ha mai offerto al Principe di turno uno sterile esercizio dottrinale e progetti di riforma autoreferenziali costruiti a tavolino. Centrale nella sua elaborazione è stato il metodo comparato, volto a portare in Italia le buone pratiche presenti in altri Paesi, e soprattutto lo sforzo di ascoltare imprese, lavoratori e loro rappresentanze per fornire risposte concrete e operative”. “Coerente a questa prospettiva di lavoro – ha proseguito Tiraboschi che è anche direttore del Centro studi internazionali e comparati Diritto, Economia, Ambiente, Lavoro del Dipartimento di Economia ‘Marco Biagi’ e coordinatore del comitato scientifico di Adapt – l’intuizione, allora non così scontata e di agevole attuazione, di superare il metodo della concertazione come diritto di veto anche solo di un attore, per sviluppare un sistema di puntuale confronto e dialogo sociale maggiormente propositivo e, come tale, attento a logiche cooperative tra capitale e lavoro e sussidiario nei rapporti tra governo e parti sociali”. Dalla morte di Biagi a oggi, sono state molte le ‘riforme’ del lavoro che si sono avvicendate, appuntando molto l’attenzione su tipologie contrattuali e flessibilità e (in misura minore) sugli ammortizzatori sociali.

Qualcosa però è mancato, ha rimarcato Tiraboschi. “Io credo sia mancato equilibrio e anche buon senso. Stiamo passando da un eccesso all’altro: prima la legge Fornero che ha compresso ogni forma di lavoro flessibile in nome del principio ideologico di un contratto unico identificato nel lavoro subordinato a tempo indeterminato; ora il Jobs Act di Renzi che, nella sua attuazione concreta, si è tradotto in una estrema liberalizzazione del contratto a termine e in un ridimensionamento dell’apprendistato da contratto formativo a mero contratto di inserimento al lavoro”, ha affermato ancora Tiraboschi. “Tutto questo porta a rivalutare l’elaborazione di Marco Biagi”, ha sottolineato Tiraboschi, che non ignora le critiche che spesso sono state rivolte alla riforma targata Biagi. “La sua legge è stata accusata di fomentare il precariato e la mercificazione del lavoro – ha ricordato – ma, a ben vedere, si poneva e si pone ancora oggi in una posizione mediana tra gli eccessi della Fornero e del Jobs Act nella pragmatica ricerca di punti di mediazione tra la tutela del lavoro e il sostegno delle esigenze delle imprese”. “E i dati – ha avvertito Tiraboschi – sono dalla sua parte: con la Biagi la disoccupazione italiana è scesa al 6,5%, un dato che oggi ci pare un miraggio. E con l’idea di unificare il mercato del lavoro, ricomprendendo i nuovi lavori e gli autonomi, cosa che oggi rimane sullo sfondo nella convinzione degli ultimi legislatori che l’universo occupazionale possa esaurirsi nel lavoro subordinato”, ha concluso.

Carlo Pareto

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento