mercoledì, 19 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Notizie in breve
Pubblicato il 14-04-2014


E’ SCOMPARSO GIANFRANCO PICCAROZZI; ESPONENTE SOCIALISTA DI COLLEVECCHIO (RI) – IL RICORDO DI PASTORELLI “Gianfranco è stato un punto di riferimento per i socialisti di Collevecchio, con lui se ne va un pezzo di storia e un compagno sempre attivo nel promuovere politiche a servizio della comunità in consiglio comunale. Ricordo ancora il contributo che dava nell’animare la vita di sezione, la passione con cui partecipava ai dibattiti e l’impegno profuso nell’organizzazione delle locali feste dell’Avanti!”. Così il deputato socialista Oreste Pastorelli ha ricordato Gianfranco Piccarozzi, ex consigliere comunale e storico esponente socialista di Collevecchio in provincia di Rieti. I funerali sono previsti per oggi (17 aprile) alle ore 16 presso il santuario di Vescovio a Torri in Sabina (RI). LAVORO, L’INIZIATIVA DEI SOCIALISTI SICILIANI   I socialisti siciliani ripartono dal lavoro, con una serie di iniziative. Tra queste “Il lavoro che manca, il lavoro che cambia: opportunità e progetti a misura di giovani” un convegno organizzato nei giorni scorsi dal Psi di Paceco e dal Comune di quella città, con la collaborazione del Banco di Credito Cooperativo “Senatore Pietro Grammatico”, dalla Caritas di Trapani e dalle associazioni “Ares “ e “Rerum Novarum”. Dinnanzi ad un folto e qualificato pubblico, tra gli altri il deputato-questore all’Ars on. Nino Oddo del Psi e Daniela Virgilio del Partito socialista europeo per la Sicilia, nel salone della Biblioteca comunale si è sviluppato un ampio e qualificato dibattito sul tema della lotta alla disoccupazione, specie giovanile, ed all’individuazione di concreti strumenti legislativi ed economici.   I lavori, introdotti e coordinati da Maria Basiricò, segretaria della sezione del Psi di Paceco e vera anima dell’iniziativa, hanno visto gli interventi del sindaco e dell’assessore alle politiche sociali e giovanili, Biagio Martorana e Vita Barbera, di Pino Mancuso, presidente del Banco di Credito Cooperativo, di Carmelo Noto, presidente di “Ares”, di Daniela Marlina, responsabile dello Sportello Microcredito-Progetto Policoro di Trapani, di Manuela Leo, responsabile del “Prestito della speranza” del Bcc.   Centrale nel corso dei lavori del convegno è stato l’intervento dell’on. Maurizio Ballistreri, della direzione nazionale del Partito socialista. Ballistreri, titolare della Cattedra di diritto del lavoro nel Dipartimento di Scienze giuridiche e Storia delle Istituzioni dell’Università di Messina, ha illustrato la dipendenza del fenomeno della disoccupazione dallo scenario globale, segnato dalla prevalenza dell’economia sulla sovranità degli Stati, dal primato della finanza sulla produzione, dal superamento del fordismo, con la “smaterializzazione della produzione”, le delocalizzazioni, il triste fenomeno del dumping sociale e la diffusione delle “società liquide”. La Conferenza programmatica dei socialisti della Provincia di Messina A distanza di una settimana dal lancio della proposta di un “Laboratorio riformista e democratico” nella provincia di Messina, i socialisti hanno promosso una Conferenza programmatica, rivolta a dare spessore culturale all’iniziativa, che dovrebbe vedere, secondo i vertici del Psi, “il superamento di steccati e barriere nella sinistra messinese, puntando su temi condivisi come il lavoro, lo sviluppo economico, la legalità, il sistema di welfare locale, la gestione del territorio”. E così, nella sala conferenze dell’Oasi di Barcellona P.G. si sono confrontati docenti e professionisti, per contribuire al profilo programmatico del laboratorio di idee proposto dal Psi provinciale. Dopo l’introduzione dell’ing. Amedeo Gitto, segretario zonale dei socialisti, che ha ribadito la finalità dell’iniziativa, “per aggregare, anche alla luce dell’adesione del Pd al Partito socialista europeo”, il saluto del sindaco di Barcellona prof.ssa Maria Teresa Collica, quindi le relazioni. Il prof. Michele Limosani, prorettore alle politiche di bilancio dell’Università di Messina, ha illustrato i cambiamenti dei sistemi economici locali e l’esigenza di realizzare distretti omogenei per promuovere la crescita. Secondo l’economista lo sviluppo locale non può che essere valorizzato da politiche pubbliche di gestione territoriali virtuose. Il dott. Adolfo Porto, segretario nazionale della Federazione Medici Pediatri, si è occupato del tema della sanità, la cui riorganizzazione “deve avvenire in funzione delle esigenze degli utenti e non degli operatori, specie in ordine a spinte della politica”. Quindi il prof. Antonio Saitta, prorettore alla Legalità del nostro Ateneo, che ha evidenziato il valore della “legge al di sopra di tutti” e anche della politica, quale strumento delle moderne democrazie. Il costituzionalista si è anche soffermato sui temi della riforma istituzionale ed elettorale. L’on. Maurizio Ballistreri, della direzione nazionale del Psi, ha tratto le conclusioni, auspicando un rinnovamento della sinistra “non più prigioniera del mito del mercato e della finanza”. Secondo il giuslavorista dell’Università di Messina “nella riflessione a sinistra deve tornare il primato della produzione, del lavoro e dell’equa redistribuzione della ricchezza”.

Iniziativa Socialista su patto PSI-PD

Iniziativa Socialista esprime la totale contrarietà  alle scelte adottate dalla maggioranza del PSI per le Elezioni Europee 2014. La non presentazione della lista con il simbolo del Partito crea disorientamento tra i militanti e gli  elettori che non trovando, ancora una volta, il proprio simbolo sulla scheda,  possono allontanarsi definitivamente dalla scelta socialista. La decisione di inserire i socialisti nelle liste del PD e la soluzione adottata, con un simbolo che riporta  al Partito dei DS, peggiorato perché privo della rosa, non corrisponde ai deliberati dell’ultimo Consiglio Nazionale  che auspicava la presentazione di una lista di partito, ovvero di un segno grafico  dove il riferimento al socialismo europeo ed alla candidatura di Schultz fosse prevalente ed evidente. La candidatura di “compagni coraggiosi” in quelle liste, assunta senza mandato e senza alcuna discussione negli Organi di partito, costituisce un azzardo per gli stessi candidati e per il Partito e priva di qualsiasi rilievo politico l’iniziativa socialista in occasione delle prossime elezioni europee. Iniziativa Socialista conferma la propria determinazione  a ricercare ogni utile convergenza con tutto il popolo socialista, ovunque collocato, per  rigenerare il socialismo italiano e ricostruire  una casa comune con risultati che il più grande  ideale delle culture politiche sicuramente merita. Fa conseguentemente appello, all’interno e all’esterno del partito, a tutte le forze, individuali e collettive, interessate ad impegnarsi per la ricostruzione autonoma della cultura e della politica socialista all’interno della sinistra italiana.

Patto federativo PSI – LIR La segreteria nazionale del Psi ha già licenziato il Patto federativo con il movimento L.I.R. (Liberali italiani repubblicani). Nel siglare il patto federativo si riafferma l’autonomia politica ed organizzativa di entrambi i partiti.

Milano. Biscardini, bene Majorino su moschea Dichiarazione di Roberto Biscardini socialista, Consigliere comunale a Palazzo Marino: ”I socialisti valutano con molto interesse l’iniziativa dell’Assessore Majorino a garanzia di una rapida soluzione dei problemi connessi alla libertà di culto compreso quello della comunità musulmana di Milano. Un’iniziativa che sembra muoversi su un binario chiaro teso concretamente alla risoluzione di tutte le questioni aperte. Un lavoro che dovrà trasformarsi in poco tempo in atti amministrativi certi per togliere rapidamente dall’empasse una comunità che da tempo si è mossa con senso di responsabilità e che ha già dichiarato la disponibilità a far fronte economicamente ad ogni spesa per non far gravare sul bilancio del Comune i costi della realizzazione di un luogo di culto.”

Enrico Buemi membro della Vigilanza RAI ROMA, 1 APR – Il senatore socialista Enrico Buemi, vice presidente del Gruppo per le Autonomie-Psi-Maie, è entrato a far parte dei membri della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

Rocca Priora (RM) –  PSI contro il razzismo Come tutti sapranno il Comune di Rocca Priora andrà al voto per il rinnovo del Consiglio Comunale e per questo è iniziata una corsa da parte di tutti/e i rappresentanti politici del territorio PSI compreso. In questa fase il psi attraverso il segretario e i delegati ha avuto modo di confrontarsi con tutti/e gli esponenti politici di ogni forza politica.

Il Comune di Rocca Priora ha una parte del territorio che, geograficamente parlando, si trova a circa 5 chilometri da quello che è il “centro storico e politico” di Rocca Priora denominata “Frazione di Colle di Fuori”. Frazione che nasce ai primi del 900 quando dei contadini organizzati si presero delle terre da coltivare che, sempre geograficamente parlando, ricadevano nei confini del comune di Rocca Priora che allora contava poco più di 2000 abitanti.

Molti scontri vi furono a causa di questi eventi ma ormai più di un secolo è passato o, ancor meglio, “dovrebbe”. Oggi, nonostante la popolazione di Rocca Priora sia di circa 12000 abitanti/contribuenti di cui la grandissima maggioranza non sono “originari doc” (contribuenti forestieri), qualcuno strumentalmente fa ricorso in maniera impropria a fatti storici lontani nel tempo e che richiamano a tentativi di “pulizia etnica”.

Siamo profondamente indignati di aver sentito da personaggi politici di ogni schieramento (alcuni dei quali notoriamente vicini al mondo della chiesa e all’insegnamento religioso) nel definire “gli abitanti di Colle di Fuori appartenenti a un’altra ceppo di un’altra razza”, grave è il dover sentire queste parole anche dai bambini e ancora più grave è il dover sentire “ tanto i nomadi stanno a Colle di Fuori e quindi sono nel loro ambiente”. Se queste ignobili dichiarazioni sono poi rafforzate da una disparità di trattamento nei servizi e nei diritti primari la cosa assume dei connotati molto più gravi.

Il Partito Socialista Italiano Invita tutte le forze politiche a prendere pubblicamente le distanze da ogni forma di razzismo e disparità nei diritti e che questi siano anche dei punti fermi che ogni candidato/a faccia come proprio. Per una reale coesione territoriale Doveri e diritti uguali per tutti psiroccapriora@gmail.com

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento