martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Certi amori poi finiscono
Pubblicato il 15-04-2014


E più sono intensi e più svaniscono improvvisamente. Si incendiano e poi si spengono. Pensiamo ad Alfano con Berlusconi, a Capezzone con Pannella, a Santanché con Fini, a Follini con Casini, a Velardi e Rondolino con D’Alema, a Minniti e Latorre con lo stesso D’Alema. Più intensi di così… E invece più sono intensi e più si svuotano all’improvviso. La rottura fa notizia, perché nessuno poteva aspettarsela. Si parla sempre di dissensi politici, come nel caso di Bonaiuti, e invece sono soprattutto dissapori personali. C’è sempre di mezzo un altro, come negli amori veri. E dunque nasce l’accusa di tradimento. L’altro o gli altri sono i preferiti, lui l’ingrato. Si spezza la fiducia. Nasce il rancore. Certi amori finiscono proprio male.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento