giovedì, 18 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lettera 2 per mille
Pubblicato il 09-04-2014


simbolo_psi DIREZIONE NAZIONALE

Carissima/o

come certamente saprai il Parlamento ha abrogato la legge che regolava i rimborsi elettorali ai partiti (Finanziamento pubblico) e ha varato una nuova normativa che consente ai partiti politici di finanziarsi esclusivamente attraverso la contribuzione volontaria da parte di singoli cittadini.

Un partito che non è nato ieri, il Partito socialista di Turati, Matteotti, Nenni, Pertini, Craxi  – di cui lo scorso anno si sono festeggiati i 120 anni della sua nascita a Genova – che usa il web ma che sa bene che la politica si condivide e si fa nella concretezza dei rapporti tra la gente, per continuare a sostenere la propria struttura e organizzare iniziative politiche ha bisogno del sostegno e del contributo attivo dei propri iscritti e simpatizzanti.

La nuova normativa prevede che, oltre alla donazione diretta, all’atto della compilazione e  presentazione dei modelli 730 e 740 e Unico, il contribuente abbia la facoltà di destinare il 2×1000 della propria imposta sul reddito ad un partito politico, apponendo la propria firma nell’apposito spazio corrispondente al partito a cui intende elargire la donazione. Si tratta di una operazione semplice, che non comporta alcun onere.

Per continuare a dare voce e risposte a chi non ha voce; per continuare ad esistere nelle piazze delle nostre città, nelle scuole e università, nei luoghi di lavoro; per avanzare nella battaglia per i diritti civili, sostieni il Partito socialista e nella tua dichiarazione dei redditi

firma nel riquadro corrispondente al Psi

Certo di contare sul tuo aiuto, ti abbraccio fraternamente

                                                             Il Tesoriere

           Oreste Pastorelli

Roma, 7 aprile 2014

 

 

 

 

 

 

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Lo farò sicuramente per consentire ad una idea che è ancora attuale e vincente, non solo nel nostro paese, ma nel mondo di poter essere veicolata sempre di più. Sono rimasto sinceramente deluso dalla scarsa visibilità concessa dagli ex comunisti, aderenti al PSE per loro ed esclusiva necessità, nel simbolo per le elezioni Europee. Questi signori in Italia non pronunzieranno mai la parola Socialista perché significherebbe dare ragione ad un partito e quindi ad una idea che loro hanno sempre osteggiato.

Lascia un commento