lunedì, 18 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ciampino.
Mauro Testa vuole far
ripartire la sua città
Pubblicato il 30-04-2014


Mauro_Testa_CiampinoAbbiamo incontrato Mauro Testa candidato PSI a Sindaco di Ciampino (RM) tra un colloquio e l’altro nel corso della sua attività di psicoterapeuta. Testa ha ricoperto la carica di Assessore alla viabilità, successivamente quella di Assessore alla cultura, pubblica istruzione, sport, politiche giovanili nonché quella di Vice sindaco ed Assessore alle infrastrutture, arredo e decoro urbano. Dal 1° ottobre 2013 è tornato un cittadino comune, pronto a diventare Sindaco.

Come ha maturato la decisione di lasciare la maggioranza e di concorrere con una coalizione di due partiti e 5 liste civiche?

A Ciampino, pur di non rimanere appiattiti sul diktat del Pd locale, non c’era altra alternativa che far convogliare un numerosissimo gruppo di cittadini, assieme al mio partito, il PSI, ed il supporto di Forza Italia, attorno ad un progetto politico che, scevro da ricatti, avesse a cuore il rilancio della città ed il passaggio ad un agire politico etico, al servizio dei cittadini medesimi.

Che tipo di campagna elettorale sarà?

Non sarà una campagna elettorale facile, perché ci sono poteri forti che saranno duri da sradicare, ma continuerò, come ho sempre fatto nei miei sette anni da politico, consumando le suole delle scarpe per le strade tra la gente. Ascoltare le istanze che arrivano dalle persone, senza promettere null’altro che il mio impegno a realizzare i punti del mio programma elettorale. Di certo, la mia forza viene anche dall’entusiasmo di un gruppo di persone che credono nel progetto ed un nuovo modo di proporsi sul territorio.

Quali sono le priorità del suo programma?

Premesso che il programma elettorale della mia coalizione rappresenta una sintesi reale di quanto discusso durante i molteplici incontri fatti con i cittadini,con i partiti e le liste di coalizione, siamo in grado di presentare alla città un programma innovativo e realmente condiviso. La nostra proposta si articola in due fasi: una prima fase, servirà a colmare le lacune create dal lunghissimo periodo di inattività ed immobilismo del Comune; un secondo step, che avrà avvio dopo aver consolidato le basi gestionali, sarà orientato, con meccanismi di pro-attività, al rilancio della città. I punti su cui punteremo saranno, innanzitutto la creazione dell’Ufficio progetti che avrà lo scopo di fornire all’Amministrazione il supporto necessario per la pianificazione strategica di progetti di natura “thinK tanK”, cioè di serbatoi di creatività e di progetti. Inoltre, la formulazione di un programma “aperto”, sarà capace di adattarsi nel corso dei cinque anni alle variabili del mercato, al mutamento nella disponibilità di risorse finanziarie, ed alle volontà e capacità imprenditoriali.

Ultima domanda: qual è il Suo slogan?

Mauro Testa, sindaco di Ciampino. Punto. E a capo

Ernesto Calluori

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento