sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A, le due facce di Milano
Pubblicato il 09-04-2014


Inter-Bologna-2-2Momento opposto per le due squadre meneghine. L’Inter non riesce più a vincere e, davanti ai propri tifosi e al presidente Thohir, arriva un deludente pareggio contro il Bologna. Discorso opposto per il Milan, che espugna il Marassi contro il Genoa, ottenendo la terza vittoria consecutiva, che permette ai rossoneri di tornare in piena corsa per l’Europa League. Davanti i giochi sono fatti, la Roma vince sempre, ma la Juventus ha un vantaggio importante. L’Hellas vince il derby di Verona. Catania con un piede e mezzo in serie B.

GIOCHI (QUASI) FATTI – La Roma, dopo aver vinto il recupero contro il Parma, ha espugnato anche il Sant’Elia di Cagliari per 3-1, trascinata da un super Mattia Destro, autore di una tripletta (per i sardi gol della bandiera nel finale di Pinilla). La Juventus, impegnata lunedì, non ha però sentito la pressione dei giallorossi, arrivati a -5 prima del calcio d’inizio allo Juventus Stadium della partita contro il Livorno. Grazie a un grande Llorente, i bianconeri hanno superato 2-0 il Livorno, doppietta del centravanti spagnolo, e riportato Totti e compagni a -8. A 6 giornate dalla fine, è difficile pensare che la squadra di Conte possa perdere il tricolore. Ancora più difficile che il Napoli possa prendersi i capitolini al secondo posto. Gli azzurri sono stati sconfitti 1-0 dal Parma (gol di Parolo) e ormai aspettano la finale di Coppa Italia contro la Fiorentina. Stesso discorso per i viola, che ormai hanno il quarto posto in mano e non attendono altro che l’ultimo atto del trofeo. Intanto il club di Montella ha battuto 2-1 in casa l’Udinese (reti di Cuadrado e Gonzalo Rodriguez per i padroni di casa, autogol di Pasqual per i friulani).

BAGARRE EUROPA LEAGUE – Alle spalle delle prime quattro posizioni, è piena bagarre per gli altri due posti che consentono l’accesso all’Europa League. L’Inter rallenta e così è tutto aperto. Come detto in apertura, i nerazzurri sono stati fermati in casa 2-2 dal Bologna, nonostante un Icardi (doppietta) in grande forma. Per i rossoblù a segno Cristaldo e Kone. Oltre al Parma, tornato al successo dopo 3 ko consecutivi, si fa largo la Lazio, che ha battuto 2-0 la Sampdoria (reti di Candreva e Lulic). In grande forma anche il Milan, che a Marassi contro il Genoa ha ottenuto la terza vittoria consecutiva. La squadra di Gasperini è stata piegata 2-1 grazie ai gol di Taarabt e Honda (prima gioia in serie A per il fantasista giapponese), autogol di Abbiati per i liguri che non ha però riaperto la partita.

DERBY DI VERONA ALL’HELLAS  Stesso punteggio dell’andata, ma cambiano vincitori e vinti. Il derby di Verona questa volta va all’Hellas di Mandorlini, che supera 1-0 il Chievo grazie al gol dell’eterno Luca Toni. Una stracittadina che ha avuto qualche polemica per il caro biglietti, ma che è stata uno spot per il bel calcio e la sana rivalità. Verdetti importanti in coda. Il Catania ha perso in casa 1-2  contro il Torino (vantaggio etneo con Bergessio, rimonta granata firmata Farnerud e Immobile) e ormai la serie B è molto vicina. Colpo esterno importantissimo, invece, del Sassuolo, che ferma la striscia di 6 vittorie consecutive dell’Atalanta vincendo 2-0 a Bergamo (doppietta di Nicola Sansone). Adesso è tutto aperto e saranno determinanti soprattutto gli scontri diretti.

LA CLASSIFICA – Questa la classifica dopo la 32/a giornata

  1. Juventus 84
  2. Roma 76
  3. Napoli 64
  4. Fiorentina 55
  5. Inter 50
  6. Parma 50
  7. Lazio 48
  8. Atalanta 46
  9. Verona 46
  10.  Torino 45
  11.  Milan 45
  12.  Sampdoria 41
  13.  Genoa 39
  14.  Udinese 38
  15.  Cagliari 32
  16.  Chievo 27
  17.  Bologna 27
  18.  Livorno 25
  19.  Sassuolo 24
  20.  Catania 20

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento