domenica, 21 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Silvio, ma che dici?
Pubblicato il 28-04-2014


Ho appena finito di ascoltare la lunga intervista di Berlusconi rilasciata a Formigli. Difficile commentarla. Ho provato a trovare qualche concetto, ma anche a prescindere dal mistero non svelato sul comportamento di Napolitano attorno alla sua condanna e alla mancata grazia, mi sono sembrati tutti da teatro dell’assurdo. Primo. Per Berlusconi il suo governo è quello che ha fatto più di tutti gli altri governi italiani messi insieme dal dopoguerra ad oggi. Nel contempo però non ha potuto fare per colpa dei partiti minori. Cioè tutta la responsabilità del prodotto, che sarebbe però il migliore, è degli alleati. Cioè di Casini, di Fini, ma anche di Bossi, della Meloni.
Tutto il potere, per Berlusconi, deve essere attribuito a un partito solo. Egli sostiene che durante i governi Dc-PSI tutta la colpa anche allora era dei partiti minori, cioè del Psdi, del Pri e del Pli. Noi non l’avevano capito. Adesso i nuovi e vecchi alleati di Silvio sono avvertiti. Allearsi con lui è possibile, ma subito dopo si è colpiti dalla sua dannazione. Secondo. Matteo Renzi non è un avversario perché non é comunista. Per la verità non lo era nemmeno Prodi. Ma la debolezza di Matteo è che non tutto il Pd sarebbe renziano.
Oddio, non mi pare che la minoranza pidina sia particolarmente bellicosa. E comunque prendiamo atto che se il Pd fosse tutto renziano non sarebbe un partito avversario. Dunque Berlusconi dovrebbe smettere di fare politica o di presentarsi come alternativo al Pd. Meno male che c’è Cuperlo e anche Bersani con D’Alema ai quali Silvio deve la sua politica. Terzo. Ad una domanda sbagliata di Formigli che, confondendo partiti e coalizioni, ha ricordato come Grillo venga dato al secondo posto e Berlusconi al terzo, quest’ultimo anziché rispondere che la coalizione di centrodestra è di gran lunga più forte della lista di Grillo, ha parlato del tradimento di Alfano. Evidentemente ha deciso di regalare il Nuovo centrodestra al centro-sinistra. D’altronde, con quella considerazione degli alleati è anche meglio per loro trovarsi nuove collocazioni…

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. CARO DEL BUE, BERLUSCONI DICE COSE ESATTE. LEGGI ” IL GIORNALE” DI LUNEDI E DEI QUATTRO COLPI DI STATO ORGANIZZATI DA TRE PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA. QUALCHE GIORNALISTA DI SINISTRA HA LA MEMORIA O SIETE COME SCALFARI?
    SALUYI MANFRINI

  2. intanto gli intervistatori dovrebbero avere il buon gusto di non somministrarci questo m********o ad ogni pie sospinto,convinti come sono di fare lo scup,io non so quanti telespettatori lo stanno a sentire,ma anche quando e andato a casa sua,dalla Durso,non ci sono stati ascolti esorbitanti,anzi e quasi stato un flop,e poi secondo me constatando le cazzate che dice e alcune anche molto disastrose,come quelle sui tedeschi,secondo me questi giornalisti avidi di notizie si rendono complici di questo vecchio megalomare,arrogante e vanaglorioso,percio sarebbe meglio che da ora in avanti ce l’ho propinino con moderazione.

  3. Sinceramente io non riesco più a seguirlo, non solo per la sua incoerenza e le panzane che racconta, ma per la sua demenza senile che i suoi medici non riescono ormai a curare. Egli si ritiene il più grande statista di tutti i tempi della repubblica. Chi ha visitato i vecchi manicomi se ne trovavano molti a sua somiglianza con deliri di onnipotenza.

Lascia un commento