domenica, 24 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

“Suave” il reportage che racconta la quotidianità sull’isola di Cuba
Pubblicato il 02-04-2014


Suave-Marchionni“Ho incontrato persone semplici, disponibili a cercare una soluzione al tuo problema. Non essendoci il superfluo, resta la parte essenziale, la sostanza”. Questa la sensazione che Matteo Marchionni, romano – classe 1980 e figlio d’arte -, ha provato durante l’esperienza sull’isola di Cuba, dove ha realizzato il suo ultimo lavoro, “Suave”, reportage sulla quotidianità del popolo cubano dopo oltre mezzo secolo di embargo, un popolo “genuino”, come lo ha definito lo stesso Marchionni. In merito è stato anche realizzato un libro di 120 pagine contenente le immagini con i relativi contenuti.

Utilizzare la luce per raccontare momenti importanti aiuta il fotografo a esternare le sensazioni che prova davanti alle contraddizioni della vita. Nel suo percorso ha maturato una consolidata esperienza nell’ambito del fotogiornalismo nazionale e internazionale, creando importanti reportage su tematiche sociali. E’ membro della prestigiosa associazione internazionale “Wedding Photojournalist Association” e negli ultimi anni ha fondato lo studio fotografico “Marchionni Art” (www.marchionniart.org), specializzato in servizi fotografici matrimoniali sia in Italia che all’estero.

Suave-CubaMarchionni perché ha scelto l’isola di Cuba come terra per realizzare il suo reportage?

Cuba vive una situazione politico-sociale particolare. Il reportage vuole dunque raccontare i volti e le storie di un Paese che soffre da decenni la decisione degli Usa di danneggiarlo economicamente, impedendogli di accedere ai mercati internazionali attraverso l’embargo, per cui le ripercussioni nel quotidiano sono evidenti. Ciononostante, o sarà proprio per questo, le relazioni interpersonali sono più vere e sincere.

“Soave, gradito ai sensi”, questo il significato della parola spagnola – “suave” – che ha scelto per titolare il suo ultimo lavoro.

Solitamente scelgo il titolo alla fine del lavoro, per dare così spazio alla dimensione emotiva. “Suave”, significa piacevole, che infonde dolcezza, serenità. Sono le sensazioni che ho provato durante il mio soggiorno nell’isola di Cuba.

Suave-Marchionni-CubaUn episodio in particolare che l’ha colpita durante la sua esperienza?

Un giorno, a Trinidad, alcuni turisti mi avevano chiesto se potevo procurargli un adattatore elettrico. I negozi erano chiusi e, senza temere, ho chiesto informazioni a un passante; “Non c’è problema adesso vediamo come fare!” ha esclamato. Si è avvicinato ad alcune abitazioni nella piazza, ha parlato con i proprietari e uno di loro mi ha invitato ad entrare. In pratica, utilizzando un vecchio ventilatore mi ha costruito artigianalmente ciò che cercavo.

Quali sono i prossimi progetti?

Vorrei realizzare un reportage sull’India perché è Paese con una forte spinta spirituale e una maggiore attenzione alla tradizione e alla cultura. Ho questo desiderio per uscire dalla quotidianità fatta troppo spesso di cose superflue e materiali. In questo momento ho bisogno di raccontare questo.

Silvia Sequi

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento