sabato, 21 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Divorzio: tutto pronto per la riduzione dei tempi
Pubblicato il 14-05-2014


Divorzio-breveSemaforo verde dalla Commissione Giustizia alla Camera al testo unificato sul divorzio breve. I 23 emendamenti sono stati votati a larga maggioranza, il disegno di legge è dunque pronto per passare all’esame dell’aula di Montecitorio il prossimo 26 maggio. Il documento prevede l’abbassamento a 6 mesi per lo scioglimento consensuale del matrimonio e 12 per quello giudiziale. Un passo importante nell’iter del divorzio breve, dopo che nelle due precedenti legislature la legge su questo tema vagava in Parlamento senza alcun risultato. Un’altra novità concerne la tempistica: i calcolo dei tempi parte alla notifica della richiesta e non più, come in precedenza, al deposito della richiesta. Soddisfazione è stata espressa dai relatori del documento e da Pia Locatelli, deputato socialista e presidente onorario dell’Internazionale socialista donne.

I RELATORI: PROVVEDIMENTO NON DEVE SOGGIACERE A COLORI PARTITICI – I relatori del testo unificato – il forzista Luca D’Alessandro e Alessandra Moretti del Partito democratico hanno espresso la loro soddisfazione per l’avanzamento di una proposta di legge che non riguarda strettamente l’ideologia di una forza politica, ma che intende rappresentare una cambiamento generale della coscienza sociale.

LOCATELLI: RIDUZIONE A SEI MESI VITTORIA SOCIALISTA – La Commissione giustizia, recependo l’emendamento dei socialisti, che riduce a 6 mesi il tempo necessario per ottenere il divorzio in caso di separazione consensuale e in assenza di figli minori, ha compiuto un importante passo avanti nel campo dei diritti civili, aggiornando e attualizzando la legge di 40 anni fa approvata grazie alle battaglie del Psi” ha affermato Locatelli. L’auspicio è che ora il “provvedimento venga approvato al più presto dall’Aula e che faccia da ariete per riportare all’attenzione del dibattito parlamentare quei temi etici che da troppo tempo attendono risposte” ha concluso l’esponente socialista.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento