martedì, 24 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La svolta di Matteo Renzi
Pubblicato il 11-05-2014


E’ tempo di voltare pagina, di chiudere questo ventennio nero. Nessuno poteva pensare che alla fine della seconda Repubblica, mai nata, si tornasse alla prima. Sta a Renzi, oggi, dimostrare di essere l’uomo giusto. Raccontare la sua ascesa alla guida del governo italiano significa raccontare uno degli eventi più eccezionali della storia di questo Paese. Ma perché non ce lo prendiamo il partito? esclamò un giorno Renzi al suo amico Matteo Richetti. Il Partito? Sì, replicò Renzi. Quello dei funzionari, dei circoli,  delle federazioni, delle tessere, dei tradimenti, delle cordate, dei congressi, delle liste? Lo straripante racconto di Renzi – rottamatore e tutto ciò che ha reso il fenomeno-Renzi vincente quale sindaco-segretario-premier. Due gli obiettivi: ¨La conquista del PD alle primarie e l’appoggio del PD all’operazione di scalzare Enrico Letta”. Dal governo del presidente, si è passati a quello del premier, ripristinando un normale rapporto tra Colle e Palazzo Chigi. Il giovane Renzi, insomma, è così rampante che è meglio averlo amico che nemico da rendere possibile la simbiosi tra Matteo e Giorgio il “Migliorista”. Un’altra scadenza sarà la presidenza di turno Italiana dell’Unione Europea che inizia il primo luglio e in cui sarà Renzi a vedersela con i partner UE, dopo aver fatto i “compiti a casa, chiedendo di rivedere i paletti sulla politica economica. Ma al netto di tutto questo, mentre Renzi prende le redini di questa svolta politica, istituzionale ed economica – e dopo aver regalato momenti di ritrovata giovinezza al Presidente Napolitan – sarà proprio “Matteo” ad accompagnare “Giorgio” all’uscita da quel Colle.

Ernesto Calluori

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Roba da pasdaran. Da vecchio riformista di sinistra dico: renzie avvelena anche te. Digli di smettere.
    P.S. il 25 maggio avevo deciso di votare PSI ma dopo la paura dello sbarramento 4% e l’accordo ‘strapuntino’ col PD renziano, voterò a sinistra. Voi fate come volete.

  2. IL ricorso sullo sbarramento al 4% all’esame della Consulta, non intaccherà l’attuale tornata elettorale. Parola del Presidente del Tribunale di Venezia che ha ricevuto il ricorso. Lo sbarramento è anticostituzionale e antidemocratico. Tutti i cittadini devono essere rappresentati.

Lascia un commento