sabato, 21 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Notizie in breve
Pubblicato il 14-05-2014


Terni. Alle comunali solo Difino candidato PSI 
Il PSI è impegnato nelle prossime elezioni amministrative di Terni
nella coalizione di centro sinistra e a sostegno del Candidato Sindaco
Leopoldo Di Girolamo. Per dare maggior vigore, valore e prestigio allo
sforzo dei compagni tutti, il direttivo provinciale ha deciso di
mettere a disposizione della coalizione la candidatura del Segretario
Provinciale Andrea Difino nella lista Cittaperta-Terni Dinamica. Nessun
altro candidato in nessuna delle altre liste è espressione del PSI.
La Federazione Provinciale Terni PSI
PIERFEDERICI: “IREN DIMINUISCA ULTERIORMENTE I COMPENSI AI PROPRI MANAGER”
Intervenendo ad una manifestazione socialista, Roberto Pierfederici, candidato consigliere comunale nella lista Pd per Luca Vecchi Sindaco ha affermato che i cittadini reggiani hanno bisogno di un Iren spa più vicina ai consumatori utenti, che emetta sempre bollette non presuntive, ma basate sul reale consumo e che diminuisca il costo della raccolta rifiuti, attualmente molto alto soprattutto per la raccolta  porta a porta.
C’è bisogno di un Iren più vicina al territorio, che finalmente costituisca anche a Reggio il comitato territoriale che comprenda associazioni dei consumatori, sociali, imprenditoriali, rappresentanti degli studenti universitari  e che faccia più investimenti a Reggio nel campo ambientale ed energetico.
C’è bisogno di un Iren più sobria con meno auto blu e benefit per i suoi dirigenti, e che diminuisca ulterirmente i compensi dei propri dirigenti massimi al livello  giustamente deciso dal Governo Renzi  per i manager pubblici. E se i manager non ci stanno, si possono sempre sostituire con altri.
INTERROGAZIONE DELL’ON.ODDO SULLA CHIUSURA DELL’ISTITUTO DI CREDITO DI ERICE VETTA
Il deputato questore all’Ars, on. Nino Oddo, ha presentato un’interrogazione all’Assessore regionale all’economia Roberto Agnello sulla paventata chiusura della filiale dell’Istituto bancario Unicredit di Erice vetta. “Una decisione che avrebbe un impatto sociale ed economico assai grave per una cittadina che rappresenta il fiore all’occhiello della cultura siciliana nel mondo e che deve mantenere margini di vivibilità per i propri residenti”- sottolinea l’esponente de Il Mefagono.

Recependo il grido d’allarme lanciato nei giorni scorsi da un gruppo di cittadini del borgo medievale, l’on. Oddo ha chiesto all’assessore se sia a conoscenza della volontà dei vertici di Unicredit di chiudere la sede ericina e se non intenda intervenire tempestivamente per scongiurare un tale provvedimento. Oddo, nella nota, ricorda infatti come la Regione sia azionista del Gruppo Unicredit e pertanto abbia la possibilità di interloquire direttamente con l’azienda. “ La chiusura di un servizio essenziale come quello bancario- spiega il deputato questore- arrecherebbe grossi disagi non solo ai residenti ma al complessivo sviluppo dell’economia di Erice Vetta. Già afflitto da un progressivo spopolamento- prosegue -, il borgo medievale sarebbe ulteriormente penalizzato dal venir meno di un servizio essenziale di cui usufruiscono quotidianamente abitanti, operatori commerciali e le decine di migliaia di visitatori che nella maggior parte dell’anno, ed in particolare nei mesi estivi, hanno l’esigenza di effettuare prelievi bancomat o di utilizzare il servizio di cambio valuta”.

L’on. Nino Oddo ha chiesto all’assessore Agnello una risposta urgente e per iscritto.

EXPO, BISCARDINI (PSI), PISAPIA CI METTA LE MANI E LA TESTA PER EVITARE UNA GRANDE ABBUFFATA

Dichiarazione di Roberto Biscardini consigliere comunale socialista: “Non basteranno funzionari nazionali o dirigenti cosiddetti esterni a bloccare eventuali corruzioni. Serve la politica che finora è mancata. Il Comune di Milano e Pisapia per primo devono riappropriarsi delle decisioni evitando, come purtroppo è stato finora, di assumere l’eredità della Moratti e di Formigoni come unico binario con cui gestire EXPO.” Biscardini ha poi aggiunto: “Bisogna darsi una regolata. Si è perso il filo conduttore e si è già persa la testa. Si incominciano a intravedere i segni di una grossa involuzione culturale. D all’impegno nobile di nutrire il pianeta e dalla preoccupazione per l’alimentazione delle popolazioni più povere, stiamo trasformando EXPO in una baraonda consumistica. Si sono già persi di vista gli obbiettivi e ci sono troppi soldi in circolazione, non per alimentare il pianeta ma per fare iniziative effimere e trasformare EXPO in una grandissima fiera ed una gigantesca abbuffata.”

TRAPANI – CUSTONACI ADERISCE AL PSI 

Il consigliere comunale di Custonaci, Francesca Colomba, classe ’71, ha aderito al Partito Socialista Italiano. Eletta nella lista civica “Sìamo Custonaci”, dopo un periodo da Indipendente, l’imprenditrice del settore marmifero ha deciso di appoggiare la linea politica dell’onorevole Nino Oddo. Una scelta meditata, frutto di un’attenta riflessione, scaturita quasi due anni dopo la sua elezione a consigliere al Comune di Custonaci. “Ho voluto valutare attentamente e capire i meccanismi della macchina burocratica e amministrativa della città che sono chiamata a rappresentare nelle veste di consigliere comunale, consapevole del ruolo che mi è stato assegnato dagli elettori- dichiara Francesca Colomba- e certa che solo attraverso le linee guida di un progetto politico serio si possa perseguire l’interesse della collettività. Valori e capacità in cui la mia famiglia, che ha alle spalle una radicata tradizione socialista, si riconosceva da anni e nei quali, in realtà, mi sono sempre riconosciuta anch’ io”.
Soddisfazione per l’adesione al Psi è stata espressa dall’onorevole Nino Oddo: “ Anche a Custonaci i socialisti tornano protagonisti, con una propria rappresentante all’interno del consesso civico”.

MODENA – Una delle poche, vere novità a Modena in questa campagna per le amministrative del 25 maggio è la compagine dei “Moderati per Modena”, che sostiene la candidatura a sindaco di Gian Carlo Muzzarelli.
Nati nel 2005, ma con profonde radici nella storia politica del paese, i Moderati si rifanno all’area laico-socialista, repubblicana e liberale, con una significativa componente di area cattolica, portando in dote al candidato Muzzarelli un solido patrimonio riformista.
Sulla scorta di positive esperienze precedenti, come le elezioni provinciali di Torino nel 2009 o le amministrative di Piacenza del 2012, anche a Modena si consolida così l’alleanza Moderati-PD, per dialogare su temi importanti per l’innovazione della città.
Condividendo la scelta di Muzzarelli di impostare il programma e la campagna sul “fare” e sul “saper fare”, l’impegno dei Moderati si concentra soprattutto su alcune linee programmatiche prioritarie, quali l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione della città, la semplificazione burocratico-amministrativa, l’alleggerimento tributario per famiglie ed imprese, la rivitalizzazione del centro storico, una più efficace politica di sicurezza urbana.
Capolista e promotore della lista dei Moderati è Claudio Malavasi, dottore commercialista e dirigente di associazione, per anni Presidente della Circoscrizione 3 del Comune di Modena e una delle figure di riferimento della tradizione laico-socialista modenese

Alcamo – Il consigliere Stefano Mililito (1962), consigliere comunale di Alcamo, rende nota la propria adesione al PSI.PSI_Alcamo_Stefano_Milito_Nino_Oddo
Milito, eletto nelle file del pd, ritiene che la grave crisi di identità e di leadership politica in cui versa, allo stato, il partito democratico in provincia 
di Trapani, ed Alcamo in particolare, hanno fatto venire meno le condizioni del suo impegno politico all ‘interno di questa forza politica.
Individua nel PSI e nell’onorevole Nino Oddo il contenitore politico ed il leader come i soggetti più credibili all’interno dello schieramento di centro sinistra per continuare un impegno politico ed una militanza secondo i valori del progresso, del rinnovamento, mantenendo con coerenza una collocazione nella sinistra alcamese. Il consigliere Milito, alla luce del patto federativo in atto stipulato dal Psi con il movimento Ucd presente nella città di Alcamo, comunica di aderire al gruppo consiliare Ucd-Psi presenti con altri 4 componenti nel massimo consesso civico.
MAENZA (EX PDL) CON PSE PER EUROPEE
Bologna, 28 APR – Passando dalle elezioni amministrative a quelle europee, il consigliere provinciale Rino Maenza, ex Pdl attualmente nel gruppo Psi-Maie, ha annunciato il proprio sostegno alla lista Pd-Pse: “Anche se non ci si puo” dichiarare pienamente soddisfatti dell”Europa”, scrive Maenza in una nota, “bisogna investire comunque sull”Unione europea attraverso il successo della componente democratico-socialista che fa capo al Pes”. Aggiunge Maenza: “Ho scelto quindi di schierarmi e sostenere la lista Pd-Pse per avere una presenza italiana piu” rilevante ed autorevole nelle istituzioni europee. Mi auguro che si verifichi la condizione, auspicata dal partito socialista europeo, dell”elezione alla presidenza della commissione di Martin Schulz”.
Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento