sabato, 21 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Raduno di Rovetta:
Pia Locatelli interpella
il ministro dell’Interno
Pubblicato il 17-05-2014


Rovetta ManifestazioneQuest’anno la manifestazione di commemorazione dell’uccisione da parte dei partigiani, avvenuta il 28 aprile 1945, di 43 militi della legione Tagliamento – che da quasi vent’anni si svolge a Rovetta, in provincia di Bergamo, – coinciderà con le elezioni amministrative ed europee del 25 maggio. Il giorno prima, quando scatterà il silenzio elettorale, a Lovere si ricorderanno altri due soldati della Tagliamento che furono gettati nel lago l’8 giugno 1945. 

LA DENUNCIA DELL’ANPI PROVINCIALE – L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (Anpi) provinciale e il Comitato Bergamasco Antifascista hanno chiesto al prefetto di Bergamo di impedire il raduno sia per la concomitanza con le elezioni – e quindi in turbativa del divieto di comizi e riunioni di propaganda politica, stabilito per legge – sia perché il contenuto contravviene alla Costituzione, che vieta la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista.

L’INTERPELLANZA DI PIA LOCATELLI – A questo proposito Pia Locatelli, deputato Psi ha chiesto al ministro dell’Interno, con un’interpellanza urgente firmata anche dal piddino Antonio Misiani, se sia a conoscenza del raduno che si svolge ogni anno a Rovetta e Lovere, quali iniziative abbia intenzione di assumere al fine di verificare, per il tramite del rappresentante territorialmente competente del governo, le modalità con le quali è stata organizzata la manifestazione vista la concomitanza dello svolgersi delle elezioni. E quali iniziative, anche di carattere normativo, abbia intenzione di assumere al fine di prevenire lo svolgimento di simili manifestazioni che, a parere degli interpellanti, violano le norme contenute nel nostro ordinamento, ispirandosi all’ideologia fascista. Nel frattempo la prefettura di Bergamo, la Questura, lo Stato e anche il governo hanno dato il via libera allo svolgimento della manifestazione di commemorazione.

LA RISPOSTA DI SCALFAROTTO – Il sottosegretario Ivan Scalfarotto ha risposto all’interpellanza dei deputati, spiegando che “la passione repubblicana che condividiamo deve tenere conto dell’osservanza rigorosa di quella che è la nostra costituzione che tutela il diritto di manifestare. L’iniziativa di Rovetta è stata oggetto di approfondita analisi e di riunioni tecniche che si sono tenute in prefettura a Bergamo. E’ stata tenuta conto la natura commemorativa. Non si tratta di comizi e di propaganda elettorale. Non viola la legge, che garantisce il diritto di riunione purché avvenga pacificamente e senza armi. La situazione sarà monitorata con attenzione dalle autorità di sicurezza. Le forze di polizia dedicano la massima attenzione alle frange di estremisti”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
    • Questo lassismo nei confronti dei rigurgiti fascisti significa una sola cosa : L’Italia non ha ancora fatto bene i conti con il suo passato e molte decisioni delle autorità ne sono influenzate in maniera scandalosa.

Lascia un commento