domenica, 17 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Lunghi:
Una buona notizia per l’Europa
Pubblicato il 26-05-2014


Caro direttore, soltanto alcuni giorni or sono, ti ho inviato una lettera che riguardava le elezioni europee, ora appena concluse, dove – facendo riferimento ad altre consultazioni avvenute recentemente, in alcuni Paesi europei – mi chiedevo se avrebbero vinto, in Italia, gli urlatori o i riformatori. A scrutini terminati e con soddisfazione di tutta la sinistra del nostro Paese, questa volta non solo, la nostra coalizione ha vinto, ma ha stravinto, andando con il 41 % di voti, al raddoppio dei voti grillini, 2° partito nel Paese. Se questo lo mettiamo in relazione con il prossimo semestre di Presidenza Italiana dal 1° luglio è ancora più importante per il cambiamento di rotta che potrebbe avvenire nella politica dell’Unione, passando da una politica di rigore (pallino della Merkel) ad una politica di sviluppo, come anche il Governatore della PCE-Draghi auspicava. Se son rose fioriranno, dice il proverbio. Il fatto poi che la maggioranza dei parlamentari europei l’abbia conquistata, con un margine abbastanza limitato, il PPE sul PSE, anche qui potrebbe far pensare ad un miglioramento delle politiche Comunitarie, anche sotto l’aspetto di quella direzione Politico – con un solo Governo – come viene richiesto da tanto tempo dalle sinistre riformiste. Ora invio a Te, al Giornale e al Partito tanti affettuosi auguri.

Luciano Lunghi

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento