martedì, 24 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sel, ovvero correnti e spifferi a sinistra
Pubblicato il 29-05-2014


Sel-dissidiNeanche il tempo di festeggiare il superamento della soglia di sbarramento alle europee che la sinistra di Vendola accusa i primi colpi interni.
Tutto è iniziato prima con la strizzata d’occhio al premier da parte del leader di sinistra e libertà, Nichi Vendola poi con la dichiarazione del capogruppo alla Camera, Gennaro Migliore, che ha sostenuto l’idea di portare avanti un partito unico a sinistra, ma la base del partito sembra non condividere la nuova linea assunta dalla dirigenza, tanto che da più parti si sono levate voci di protesta per una possibile alleanza con la “nuova DC”, come quella di Nicola Fratoianni, che vuole un partito radicalmente a sinistra, antagonista rispetto al governo e che in Europa confluisca nel Gue, la sinistra unitaria europea.
Eppure già da prima delle elezioni europee l’aria che tirava in casa Sel non era certo d’intesa, da quelli che volevano una lista pro-Schulz fino a quelli che hanno tenuto la bocca cucita fino alle elezioni come la deputata Ileana Piazzoni:


C’è poi all’interno della sinistra vendoliana una parte molto più libertaria, quella propositiva di Claudio Fava, di Sinistra Democratica (e quindi originata dai Ds), che da tempo ha aperto le porte e lavora a un raggruppamento con ex grillini e soprattutto rimette in moto la possibilità di un’apertura ai socialisti. Un intergruppo, che porterebbe, quello sì, a spostamenti di spessore e che apre le braccia anche a Pippo Civati la voce critica per eccellenza fra i dem e che è uscito sdegnato dalla possibilità di ritrovarsi SC tra le fila del suo Partito.

Tre schieramenti, quindi, all’interno del partito di sinistra all’opposizione, ma si attende domani quando alla riu­nione della pre­si­denza, ci sarà il primo round del con­fronto. Vendola conosce bene quali rischi può portare il fermento interno, lui stesso ha fondato il partito dalla costola dissidente di Rifondazione, ma riuscire a tenere a freno le anime critiche del partito sembra ormai impossibile, anche Sel capirà a proprio spese che, come diceva Nenni, “a fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro… che ti epura”.

Maria Teresa Olivieri

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Voglio sperare che il nodtro Psi , tutto preso da patti federativi , non tralasci di dare copertura politica a questi fermenti in casa grillina e di Civati , di Ve3ndola è meglio non fidarsi.
    Compagno Maurizio Molinari

Lascia un commento