sabato, 16 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Tennis, il Roland Garros
ai nastri di partenza
Pubblicato il 26-05-2014


Roland GarrosAl via l’84esima edizione del Roland Garros, il torneo più importante su terra rossa. Gli internazionali francesi destano sempre grande attesa e rivestono un prestigio particolare anche tra i quattro tornei del Grand Slam. Nessuno dei tennisti e delle tenniste più quotate vi rinuncia. E questo garantisce sempre un grande spettacolo. Dotato di uno stadio centrale che raggiunge una capienza di 16.000 spettatori posti, il Roland Garros viene disputato in quello che è un vero e proprio villaggio di tennis dove si assiste a concrete maratone tennistiche. Qui gli uomini, infatti, devono giocare al meglio dei 5 set e non c’è tie-break in quello finale.

E così, ecco che possono verificarsi casi quale quello del match tra Fabrice Santoro e Arnaud Clément, disputato il 25 maggio 2004, concluso con la vittoria del primo per 6-4 6-3 6-7 3-6 16-14 e terminato dopo 6h34’ di gioco, anche se giocato in due giorni, causa la sospensione per oscurità. Ovviamente questo poi compromette l’esito finale, che è sempre un’incognita e una variabile molto incerta che può cambiare con un solo colpo. Per questo molti tennisti preferiscono rinunciare a qualche torneo precedente, rischiando anche Roma, pur di prepararsi ed arrivare in forma a questo che per tutti i campioni è un appuntamento fisso irrinunciabile. Campione uscente è Rafael Nadal, vedremo se saprà difendere il titolo. A Roma non è sembrato al top.

Qui dovrà vedersela con gli avversari di sempre: Roger Federer, forte della paternità e che ha convinto al primo turno vincendo sullo slovacco Lukas Lacko, numero 87 del ranking Atp, con il punteggio di 6-2, 6-4, 6-2 in un’ora e 24 minuti di gioco; e poi Novak Djokovic, vincitore degli Internazionali BNL d’Italia del Foro Italico, che ha sconfitto Rafa in tre set e si è detto entusiasta e ansioso di partecipare al Roland Garros. E poi tanti altri giovani, più o meno esordienti, che potrebbero regalare sorprese: Wawrinka, Raonic, ed i francesi Tsonga e Monphils, che sicuramente avranno un supporto caloroso dai loro connazionali.

Tra le donne, vincitrice dell’ultima edizione è Serena Williams, campionessa uscente anche a Roma. Facile e prevedibile scommettere su una sua conferma. L’americana non delude mai, ha già superato il primo turno battendo la francese Alize Lim, n. 135 del ranking Wta, con il punteggio di 6-2, 6-1 in un’ora e 18 minuti di gioco, ma sa che non avrà vita facile. Molte le tenniste pronte a contenderle il titolo: da Maria Sharapova, alla Ivanovic (che vuole vendicare la semifinale persa contro la Williams a Roma quest’anno per 64 36 64); poi la Jankovic, semifinalista agli Internazionali BNL, dopo essersi imposta sulla polacca Radwanska per 6/4 6/4. Qui in Francia quest’ultima ha avuto un buon esordio; la testa di serie numero 3, si è imposta sulla cinese Shuai Zhang per 6-3 6-0. Da tenere d’occhio anche, tra le cinesi LI NA, vincitrice del primo dei Grand Slam di quest’anno, gli Australian Open. Ed ancora la rumena Simona Halep, arrivata in finale al torneo di Madrid, persa contro Maria Sharapova al terzo set. E la Suarez-Navarro che ha disputato un buon torneo a Roma. Oltre alla sorella della n. 1 al mondo, Venus Williams.

E la nostra Sara Errani, arrivata in finale a Roma, che vuole prendersi una soddisfazione per compensare una delusione per una finale contro Serena Williams che le è stata compromessa a causa di un infortunio. La Errani fu finalista qui a Parigi nel 2012 e cercherà assolutamente di ripetersi. Tra le italiane nel tabellone ci sono anche tutte le altre ragazze della Fed Cup: la Knapp impegnata contro la Barthel, la Pennetta contro Patricia Mayr-Achleitner, la Vinci contro la Parmentier e Camila Giorgi contro la Jovanovski.Purtroppo subito fuori Francesca Schiavone; la 33enne tennista milanese, che aveva vinto il torneo nel 2010 ed era stata finalista nel 2011, è stata battuta per 6/3 6/3 dalla 21enne croata Ajla Tomljanovic. Tra gli italiani, gli azzurri puntano tutto su Fabio Fognini, che incontrerà Beck. Fuori, infatti, Potito Starace (sconfitto dal russoDmitry Tursunov, classe 1982 e testa di serie n. 31, per 6-1 7-5 6-2). Ed anche Filippo Volandri, n. 99 del mondo, che ha perso al primo turno dallo statunitense Sam Querrey, n. 67 del ranking Atp, con il punteggio di 7-6 (7-3), 6-4, 6-3 in un’ora e 55 minuti di gioco.

Speriamo che ci arrivi qualche exploit straordinario dagli italiani e dalle italiane, anche in doppio, soprattutto con la coppia Errani-Vinci, finalista a Roma, seppur si siano dovute ritirare a causa dell’infortunio di Sara. Curiosità, nella storia del torneo solamente Evgenij Kafel’nikov, nel 1996, fu il primo russo a vincere il Roland Garros e riuscì ad imporsi anche nel doppio maschile diventando così l’ultimo e unico tennista a realizzare una doppietta in un torneo dello Slam. Dunque appuntamento con il grande tennis qui al Roland Garros, dal 25 maggio fino all’8 giugno, il cui nome (altra curiosità) deriva dallo Stade Roland Garros in cui si svolge, impianto intitolato appunto a Roland Garros, un pilota dell’aeronautica francese nella Prima guerra mondiale. La prima edizione, infatti, si svolse nel 1891, ma fino al 1924 era riservato ai soli tennisti francesi o non francesi purché soci di un club di tennis transalpino. Dal 1925, invece, l’evento è stato aperto ai tennisti di tutto il mondo.

Barbara Conti

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento