lunedì, 21 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dichiarazione Mucchetti (PD) su caso Mineo
Pubblicato il 12-06-2014


Mucchetti (Pd), “Epurazione di Chiti e Mineo contro lo spirito del Regolamento del Gruppo Pd del Senato e la logica”

“Il ministro Boschi e il Sottosegretario Lottischierano 12 milioni di voti come se fossero 12 milioni di baionette contro i 13 senatori dissidenti del Pd. Non viene loro il dubbio di sparare con il cannone contro le rondini? La sproporzione della reazione nasconde la povertà degli argomenti”. Lo scrive oggi sul suo blog il Senatore del Pd, Massimo Mucchetti.

Continua Mucchetti: “Che noia sentir ripetere sempre gli stessi ritornelli, mandati a memoria. Renzi, che si riserva il gusto della battuta, si propone come l’uomo dei voti contro i veti. Peccato che non voglia far votare ai cittadini il nuovo Senato, ma riservarne la composizione alle burocrazie dei partiti. Il generale Boschi e il colonnello Lotti, poi, non si rendono conto che l’epurazione dei senatori Chiti e Mineo dalla Commissione Affari Costituzionali contrasta con lo spirito del Regolamento del Gruppo Pd del Senato e con la logica”.

“Il regolamento, all’articolo 2, esalta il pluralismo interno e sulle questioni costituzionali garantisce la libertà di voto anche quando questo risulti difforme dalle deliberazioni dell’assemblea del gruppo. La logica chiede di rispondere al seguente quesito: che cosa accadrà in futuro quando dei senatori del Pd maturassero idee differenti da quelle del Capo e della sua maggioranza su qualche materia che il Capo ritenga rilevante? I dissidenti verrebbero spostati da una commissione all’altra? Vi sembra seria l’epurazione continua? Già che ci siamo – viva la faccia – sarebbe più trasparente abolire del tutto l’articolo 67 della Costituzione. Nella post democrazia dei partiti proprietari o leaderistici, diventa un inutile orpello. Questo è quanto si può replicare a taluni seguaci del premier. Lui, invece, Matteo Renzi, può ancora felicemente sorprendere tutti costruendo un punto di equilibrio più avanzato senza impiccarsi ai suoi paletti”. Così conclude il Senatore Mucchetti.

Roma, 12 giugno 2014.

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento