mercoledì, 22 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Festa a Roma per
i Music Awards 2014
con Conti e Incontrada
Pubblicato il 05-06-2014


MusicawardsROMA – Ieri sera, 3 giugno, Roma si è animata al ritmo di canzoni nazionali e non. E’ stato infatti possibile apprezzare al Foro italico e su Rai 1 i “Music Awards 2014”, condotti da Carlo Conti e dalla travolgente Vanessa Incontrada. Numerosi cantanti, nei generi più disparati, si sono esibiti ricevendo uno, due o addirittura tre premi. Ancora una volta la musica ha unito i cuori di differenti generazioni.

Ad aprire l’evento la “one woman show” Laura Pausini. Un vero e proprio ciclone che con la sua energia e vitalità ha trasformato lo spazio aperto in una pista da ballo. In seguito hanno animato la serata molteplici artisti, quali l’immancabile Biagio Antonacci, Luciano Ligabue, accolto dalla folla festante, Marco Mengoni e l’irrefrenabile Emis Killa, che ha presentato ‘Maracanà’, futuro tormentone dell’estate. I presentatori, divertiti e talvolta emozionati, hanno egregiamente intrattenuto il pubblico, sempre pronto ad incoraggiare i proprio idoli. Particolarmente piacevole è stata l’accoglienza alla giovane Lorde, esibitasi per la prima volta in Italia. Gli spettatori hanno illuminato il cielo stellato con i loro telefonini sulle note di ‘Royals’. Altro grande successo internazionale sul palco dei Music Awards è stato George Ezra. Tra gli artisti emergenti, hanno provocato grida di emozione i giovani Dear jack e Fedez con frotte di ragazze e ragazzine che si sono velocemente recate sotto il palco per poter vedere da vicino i lori amati.

Per consegnare i premi, tra i tanti, hanno partecipato all’evento il presidente del Coni Giovanni Malagò; Enzo Mazza, presidente della Fimi; il direttore d’orchestra Ennio Morricone. Sembrava quasi che la notte non dovesse aver fine, tanto era l’entusiasmo di cantanti, presentatori e spettatori. Insomma, nelle tre ore e mezza di spettacolo, il nostro paese ha dimostrato di essere all’altezza di una delle più grandi tradizioni nazionali: la musica, che, con la sua complessa semplicità, dona ogni volta gioia, commozione e soprattutto speranza.

Francesca Fermanelli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento