domenica, 24 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giacomo Matteotti, un riformista eretico
Pubblicato il 09-06-2014


MatteottiNel pomeriggio del 10 giugno 1924, il deputato socialista polesano Giacomo Matteotti viene rapito mentre si reca a Montecitorio. Sono cinque i fascisti che aggrediscono Matteotti sul Lungotevere Arnaldo da Brescia. Matteotti cerca di resistere in tutti i modi, ma alla fine, dopo una lunga e violenta colluttazione, viene sopraffatto e caricato in macchina. A bordo dell’auto viene pestato a sangue e alla fine accoltellato. Il cadavere viene seppellito lontano dal centro, lungo la via Flaminia dove verrà infine ritrovato soltanto il 16 agosto dello stesso anno.
Quello stesso anno i fascisti, grazie alla Legge Acerbo, avevano ottenuto la maggioranza assoluta, ma avevano dovuto cedere molti collegi alle opposizioni e questo nonostante le violenze e le intimidazioni, fin dentro i seggi elettorali, con tanto di schede aperte prima di essere inserite nelle urne, contro chiunque accennasse ad un atteggiamento di critica o di protesta. Il 30 maggio 1924 Matteotti prese la parola a Montecitorio per contestare duramente la validità delle elezioni e questa viene ritenuta oggi ancora la causa scatenante del suo assassinio. Il 26 giugno i deputati antifascisti (con l’eccezione dei comunisti) decisero di abbandonare i lavori parlamentari pretendendo dal governo una posizione chiara sul rapimento di Matteotti, già sospettando la natura e l’origine politica del fatto, ed eleggendo come proprio luogo di riunione il colle dell’Aventino. A gennaio del ’25 Mussolini rivendicò a sé la responsabilità politica, morale e storica delle violenze fasciste e l’anno successivo revocò il mandato parlamentare ai deputati “aventiniani”, sciogliendo tutti i partiti dell’opposizione e instaurando la dittatura fascista.

Un riformista eretico
di Riccardo Nencini

Nell’Italia di passaggio dal ‘biennio rosso’ alla ‘marcia su Roma’, nell’incerta armonia delle cose generata dalla guerra, è tra i pochi a prevedere l’impatto decisivo dello squadrismo fascista sulle Istituzioni. Ovunque prevale la sottovalutazione del fenomeno, anche nelle settimane di terrore che vivono le regioni del centro nord tra la primavera del ’21 e l’anno successivo. Matteotti, invece, non si fida. Conosce il Polesine. Le bande armate prezzolate dalla nobiltà di terra hanno stravolto in poco tempo ogni equilibrio. Lì e nelle zone circostanti. Distrutto l’intera articolazione sindacale e politica socialista, fatto dimettere i sindaci, imposto accordi salariali vantaggiosi per i grandi proprietari. Intuisce che si tratta di un legame indissolubile che può saldarsi con la piccola borghesia cittadina, resa marginale dalla guerra e con gli industriali preoccupati e sconcertati dalle richieste avanzate dal proletariato organizzato.

Eretico, Giacomo, perché fuori dal coro.
Oppositore fermo del massimalismo parolaio, esploso dopo il Congresso di Livorno e sostenuto da Mosca, che punta alla rivoluzione senza prepararla e anzi vede nel fascismo l’inizio della disgregazione degli assetti di potere liberalborghesi e dunque l’alba del moto inarrestabile della Storia.

Eretico perché il fascismo lo combatte dentro e fuori il parlamento.           Spesso in solitudine. Sarà il primo a pubblicare (a Londra) un libretto su stragi e attentati fascisti. Tra i primi ad essere picchiato e offeso dai miliziani che in lui vedono ‘il nemico’. Il primo a censire collegio per collegio brogli e bastonature.

Eretico perché innovatore.
Intanto conosce le capitali europee, che frequenta. L’idea di un’Europa che si muova in modo corale si fa strada allora in coerenza con il neutralismo che aveva sostenuto alle soglie del conflitto mondiale.

Moderno è il valore che attribuisce alla parola ‘libertà’.
La possibilità che una persona deve avere di scegliere il proprio destino. Da qui il dovere dello Stato di garantirle i diritti fondamentali. Senza diritti politici, sindacali, senza tutele, nessuno può godere di una libertà matura. È il convincimento che porta Matteotti a schierarsi con fermezza contro tutte le dittature – del proletariato e del manganello – ed è, al contempo, la ragione finale della sua eliminazione. Il regime non tollera che vi sia un altro esempio, un modello alternativo, una storia esemplare incorruttibile.

Velia-Titta-MatteottiEretico per le lettere d’amore scambiate con la moglie, Velia.
Una rarità un uomo politico che ama alla luce del sole e fa della complicità di uno sguardo un valore assoluto. Siccome la memoria è il salvadanaio dello spirito, dalla scelta di vita di Giacomo chi vuole tragga almeno una lezione.

Nessuna conquista, ma proprio nessuna, avviene senza sacrificio.
Siamo sempre prodighi di elogi per i morti. Nel suo caso, meritati.

Riccardo Nencini

(Questo intervento è pubblicato anche sulle pagine de l’Unità)

Martedì 10 giugno la presidente della Camera, Laura Boldrini, commemorerà Matteotti nella Sala della Regina a Montecitorio. Dopo il saluto della Presidente della Camera, interverranno gli storici Angelo Sabatini, Maurizio Degl’Innocenti, Stefano Caretti, Ennio Di Nolfo. Sarà presente anche il segretario del PSI, Riccardo Nencini, che successivamente si recherà al Lungotevere Arnaldo da Brescia dove è sita la stele che ricorda il martirio del parlamentare socialista. Domenica 8, il segretario del PSI, si è recato a Fratta Polesine per rendere omaggio a Matteotti nella cittadina che gli diede i natali. 

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Grazie, Riccardo, per questo bell’articolo per ricordare Giacomo Matteotti.
    Io aggiungo solo una cosa: ora il “lavoro” che allora svolgevano le squadracce fasciste lo sta facendo “semplicemente” il mercato!

Lascia un commento