martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cambiano le regole
per gli sfalci: roghi agricoli non più fuori legge
Pubblicato il 26-06-2014


Abbruciamento“Il recepimento della mia risoluzione sulla combustione controllata degli sfalci vegetali nel decreto legge emanato dal governo (n.91 del 24 giugno 2014) – e da martedì in Gazzetta Ufficiale – è motivo di grandissima soddisfazione”. Questo il commento del deputato Psi, Oreste Pastorelli, nonché componente della VIII Commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici al provvedimento entrato in vigore ieri.

LA SODDISFAZIONE DI PASTORELLI – L’esponente socialista ha spiegato che il lavoro è iniziato lo scorso 26 settembre “con l’approvazione all’unanimità della risoluzione, di cui sono primo firmatario, in Commissione Ambiente, e che trova pieno riconoscimento nel testo governativo”. Lo scopo dell’iniziativa è stato quello di “dare risposta all’esigenza, molto sentita dal territorio, quindi dagli imprenditori agricoli, in particolare i piccoli imprenditori, e dagli amministratori locali” ha aggiunto. “Una misura che agevola e semplifica il lavoro dei piccoli agricoltori e che avrà ricadute positive anche nella attività della cura e manutenzione del territorio” ha concluso Pastorelli.

L’ABBRUCIAMENTO – Il cosiddetto “abbruciamento” dei residui vegetali rappresenta la possibilità di smaltire materiale agricolo o forestale non pericoloso “derivante da sfalci, paglia, potature o ripuliture in loco, nel caso di combustione in loco delle stesse”. Di questo materiale è permessa la combustione in piccoli cumuli e in quantità giornaliere “non superiori a tre metri steri per ettaro nelle aree, periodi e orari individuati con apposita ordinanza del Sindaco competente per territorio. Nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi, dichiarati dalle Regioni, la combustione di residui vegetali agricoli e forestali è sempre vietata” si legge nella normativa.

Siria Garneri 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento