lunedì, 21 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mondiale: cresce l’attesa per l’Italia
Pubblicato il 10-06-2014


Mondiali-2014-BrasileGiovedì 12 giugno alle 22 inizierà ufficialmente il campionato Mondiale in Brasile. Sarà proprio la seleçao a esordire, a San Paolo, contro la Croazia. Per la “prima” dell’Italia, invece, bisognerà aspettare la mezzanotte di venerdì 13. Gli azzurri di Prandelli se la vedranno contro la sempre temibile Inghilterra, legata ai fedelissimi (Gerrard e Rooney su tutti), ma anche al nuovo che avanza (attenzione agli attaccanti Wellbeck e Sturridge). Non è un girone di ferro, ma poco ci manca, quello dell’Italia. Perché insieme alla Nazionale dei Tre Leoni, c’è il pericolosissimo Uruguay. Oltre a una delle migliori coppie d’attacco di tutte le squadre (l’ex Napoli Cavani e Suarez), la ‘Celeste’ ha il vantaggio di giocare in terreni vicini e quello di avere in rosa diversi giocatori che militano nel nostro campionato, abituati quindi ad affrontare i nostri azzurri. Decisamente più basse le possibilità di passaggio del turno per la Costa Rica, formazione sulla carta debole, ma che merita rispetto perché è comunque riuscita a guadagnarsi la qualificazione al Mondiale. E l’ultima Coppa del Mondo è stata una lezione per noi (eliminati ai gironi contro squadre modeste).

IMMOBILE INSIDIA BALOTELLI – Sono passati 12 mesi, ma sembra una vita fa. Fino all’estate scorsa, infatti, una delle poche certezze per Prandelli (oltre agli inamovibili Buffon e Pirlo) era Mario Balotelli. L’ex attaccante dell’Inter a gennaio aveva lasciato il Manchester City per tornare in Italia, sempre a Milano, ma questa volta nelle fila del Milan. E il rendimento fu ottimo, con un girone di ritorno super. Tant’è che in attacco si faceva fatica a trovare addirittura un vice. Ora invece la stagione appena conclusa ha “messo nei guai” il ct che, con un Balotelli reduce da un’annata con più ombre che luci, si è trovato (ben venga) un Ciro Immobile versione cecchino. Infatti il capocannoniere dell’ultimo campionato è stato da poco acquistato dal Borussia Dortmund.

Poi c’è un Cassano ritrovato, desideroso di ripagare la fiducia di Prandelli e di fare bene al suo primo Mondiale a 31 anni. Infine, sempre per restare nella categoria dei giocatori fantasia, il tecnico della Nazionale stravede per il talento del Napoli, Lorenzo Insigne, non a caso convocato al posto di gente come Giuseppe Rossi, Destro e Gilardino (esclusioni che hanno suscitato perplessità e diverse critiche). Dunque ora Balotelli non ha affatto il posto da titolare assicurato, come non è da escludere la possibilità che l’attaccante del Milan possa fare reparto con Immobile. I due sono solo apparentemente incompatibili e Prandelli ci sta facendo più di un pensiero.

GLI ORARI DEGLI AZZURRI – L’Italia, come detto sopra, esordirà alla mezzanotte di Venerdì 13. Le successive partite, contro Costa Rica e Uruguay, saranno entrambe alle 18, rispettivamente il 20 e 24 Giugno. Per gli orari degli ottavi di finale non ci pronunciamo, d’altronde che italiani saremmo se non ci fosse un pizzico di scaramanzia?

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento