domenica, 19 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mondiali, ltalia vede già gli ottavi gli finale
Pubblicato il 17-06-2014


Balotelli-Brasile-2014Buona la prima per gli azzurri di Cesare Prandelli. Come spesso capita, le perplessità e il pessimismo della vigilia sono stati spazzati via in 90 minuti. Merito della vittoria per 2-1 sull’Inghilterra. Un successo convincente, contro una squadra che ci ha messo in difficoltà, ma che si è dovuta arrendere al maggiore livello tecnico della nostra Nazionale.

LE CRITICHE PRE-MONDIALI – Non c’era un clima di grande serenità alla vigilia della Coppa del Mondo. Le convocazioni di Prandelli avevano suscitato diverse polemiche, soprattutto per l’esclusione eccellente di Giuseppe Rossi, punto di forza dell’attacco azzurro, ma reduce da un infortunio che gli aveva impedito di giocare per diverso tempo. A Roma, i tifosi giallorossi non hanno preso bene nemmeno la scelta di non portare in Brasile Mattia Destro, autore di un buonissimo girone di ritorno in Serie A. Qualcuno avrebbe dato anche fiducia al giovane portiere Scuffet dell’Udinese, una delle rivelazioni del campionato. Ma, in generale, Prandelli si è affidato al gruppo storico delle qualificazioni, più qualche innesto come Immobile, Parolo e Darmian, che hanno avuto un rendimento altissimo per tutta la stagione.

LA SFORTUNA DEGLI INFORTUNI – Dalle scelte volute a quelle obbligatorie. Il ct, infatti, ha dovuto fare i conti con la sfortuna. Oltre all’esclusione di Giuseppe Rossi, avvenuta appunto per motivi fisici, nell’amichevole contro l’Irlanda prima di partire per il Brasile, si è fatto male il centrocampista Riccardo Montolivo, uno dei giocatori con più fantasia nel nostro centrocampo. Non bastasse, prima dell’esordio contro l’Inghilterra si sono fermati il terzino De Sciglio e, soprattutto, il portiere Gigi Buffon.

Marchisio-gol-BrasileQUALIFICAZIONE VICINA – Eppure, nonostante tutte queste assenze, la prima partita è andata più che bene contro l’Inghilterra. Dopo il botta e risposta firmato Marchisio-Sturridge, il gol decisivo è arrivato nel secondo tempo grazie al colpo di testa di Balotelli, ben servito dal laziale Candreva. Oltre ai 3 punti, abbiamo dimostrato di essere anche in discreta forma fisica non solo alla nazionale di Hodgson, ma a tutte le altre rivali per il Mondiale. Inoltre, nell’altra partita del Gruppo D, è arrivata la sorprendente vittoria della Costa Rica per 3-1 contro l’Uruguay. La nazionale centroamericana ha così smentito le voci di chi la considerava la squadra materasso del girone. Ora, nella prossima partita degli azzurri in programma venerdì alle 18 proprio contro la Costa Rica, in caso di vittoria, avremmo già un piede e mezzo negli ottavi di finale. Sarebbe auspicabile un pareggio tra Inghilterra e Uruguay, ma è sempre meglio concentrarci sulle nostre partite, facendo dipendere il destino da noi stessi. Intanto l’inizio è stato promettente.

LE ALTRE, SPAGNA FLOP – Tra tutte le altre contendenti alla Coppa del Mondo, c’è da segnalare l’incredibile tonfo della Spagna. Le Furie Rosse sono state sconfitte per 5-1 dall’Olanda. Certo è presto per dire se il ciclo della Roja sia finito (un Mondiale e due Europei consecutivi), però è suonato più di un campanello d’allarme per la squadra del ct Del Bosque. Anche perché, oltre agli Orange, nel gruppo B c’è un pericolosissimo Cile, che all’esordio ha battuto 3-1 l’Australia. Con lo stesso punteggio, il Brasile padrone di casa ha superato nel match inaugurale la Croazia, ma i ragazzi di Scolari se la sono vista brutta dopo lo svantaggio iniziale per un autogol di Marcelo. Benissimo la Germania, che ha rifilato un secco 4-0 al Portogallo di Cristiano Ronaldo, alle prese con qualche problema fisico. Ha convinto anche la Francia con il 3-0 all’Honduras, anche se gli avversari erano abbastanza modesti. Vittorie anche per l’Argentina 2-1 sulla Bosnia e della Costa d’Avorio, sempre 2-1, contro il Giappone di Zaccheroni.

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento