lunedì, 25 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

PSOE, Rubalcaba lascia
torna all’insegnamento
Pubblicato il 26-06-2014


Rubalcaba_Alfredo_Perez_PSOEIl PSOE continua a perdere pezzi, e questa volta è il quasi ex numero uno a lasciare. Alfredo Perez Rubalcaba, segretario dimissionario del Partito Socialista, ha annunciato questa mattina che a settembre abbandonerà il seggio al Congreso de los Diputados per tornare all’insegnamento di chimica organica all’Univeristà Complutense di Madrid.

Non c’è posto più importante, rilevante e gratificante che quello di deputato, ha spiegato Rubalcaba nel suo discorso alla sala stampa del Congreso: è una decisione definitiva e personale – ha spiegato – arrivata dopo ventuno anni di lavoro tra i banchi dei socialisti.

Rubalcaba, sembra ricalcare le orme di Carme Chacon, la ministra della difesa che lo sfidò alla carica di segretario generale all’ultimo congresso, ma è solo un’impressione perché Chacon ha sì lasciato il Parlamento, ma solo per riprovarci nel 2015 con l’obbiettivo più importante, quello di guidare il prossimo governo mentre nel caso di Rubalcaba, il sipario cala definitivamente sulla sua carriera politica.

Un cursus honorum che lo ha visto ministro dell’Educazione (1992-1993) e titolare del Ministero della Presidenza del Governo (1993-1996) con Felipe Gonzalez, eletto deputato per la Provincia di Toledo nel 1993, per la circoscrizione elettorale di Madrid nel 1996 e nel 2000, per la Cantabria nel 2004 e per la Provincia di Cadice nel 2008.

Dall’aprile 2006 è stato Ministro dell’Interno del governo di Zapatero, dove ha dimostrato grandi doti strategiche e di mediazione e autorevolezza nel rapporto con le diverse istanze del Paese, dai sindacati alle rivendicazioni autonomiste delle Regioni, fino al muso duro nei confronti dei terroristi baschi dell’Eta; dal 21 ottobre 2010 è stato anche Vicepresidente e Portavoce del Governo.

Il 38.mo Congresso che portò Rubalcaba al vertice dei socialisti spagnoli, aveva come slogan “la risposta socialista” che dopo due anni non è mai arrivata; rimane una domanda, il PSOE riuscirà a ripartire?

Sara Pasquot

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento