lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Renzi, rottamaci anche il mondo dello sport
Pubblicato il 25-06-2014


Il governo dello sport, come quello della magistratura, in Italia è autonomo. Ma non vuol dire che sia migliore. Anzi. Mai come nello sport si sprecano eterne carriere, inamovibili personaggi capaci di riciclarsi nel modo più incredibile. Una gerontocrazia di stile sovietico. I giovani non ci sono. Vengono tenuti ai margini. Chi nasce dirigente qui muore dirigente. Il caso più clamoroso è quello di Franco Carraro, 75 anni. Ci vorrebbe un’enciclopedia per narrarne la carriera. Dal 1976 al 1978 è presidente della Federazione gioco calcio e dopo essere stato eletto presidente del Coni, ministro, sindaco di Roma, e presidente della Fondazione Onesti, ritorna prima alla Lega calcio tra il 1997 e il 2001e poi alla stessa Federazione in quell’anno e fino al 2006. Ne esce dopo Calciopoli, ma resta fino al 2009 nell’esecutivo della Uefa e adesso è senatore di Forza Italia. Tornerà?

Prendiamo Gianni Petrucci, 69 anni, presidente della Federazione pallacanestro dal 1992 al 1999, poi presidente del Coni da quell’anno fino al 2013, dopo essere passato al calcio come commissario. Esce dal Coni e ritorna alla Fip solo pochi giorni dopo. L’esperienza è una virtù. Si dirà. Più esperto di Antonio Matarrese non c’è nessuno. Pensate che carriera. Presidente del Bari a fine anni settanta, nel 1983 lascia la carica al fratello Vincenzo e, benedetto dall’altro fratello vescovo, Giuseppe, diviene presidente della Lega calcio. Vi resta fino al 1987, nel frattempo è anche deputato della Dc. Poi nel 1987 è presidente della Federazione e resta in carica fino al 1996. È anche presidente di Gioco Calcio, piattaforma televisiva, e udite udite, perfino di Unire, l’unione nazionale per l’incremento delle razze equine. Non demorde. Nel 2006 è ancora presidente della Lega calcio, si ricorre ancora a lui dopo l’esplosione di Calciopoli, poi dal 2013 si accontenta di essere membro onorario della FGCI.

Deputati e presidenti? Matarrese non è certo stato l’unico. I doppi incarichi non si contano. Autonomia non significa conflitto d’interessi. Oggi il presidente della Federazione nuoto Paolo Barelli, 60 ani, è contemporaneamente senatore eletto dal Pdl, mentre uno dei più longevi resta Romolo Rizzoli, da sei mandati presidente della Federazione bocce. Prendiamo atto delle dimissioni di Giancarlo Abete, tre mandati da deputato per la Dc, fratello dell’ex presidente della Confindustria Luigi, 64 anni, dal 1989 in Fgci con vari incarichi, poi alla Lega di C fino al 1997, per due volte vice presidente della Federazione e presidente dal 2007. A succedergli potrebbe essere Carlo Tavecchio, 71 anni, da una vita nel mondo del calcio dilettantistico, dal 1992 vicepresidente e dal 1999 presidente della Lega dilettanti.

Se si fa eccezione per Carlo Magri, presidente della Federazione di pallavolo, dove è consigliere dal 1993, che ha 74 anni, paiono ragazzini Alberto Brasca, 69 anni, presidente della Federazione pugilato e soprattuto Alfredo Gavazzi, 64 anni, da poco succeduto alla presidenza della Federazione rugby a Giancarlo Dondi, 79 anni, presidente dal 1996, del quale Gavazzi è stato vice per ben dodici anni. Direi che può bastare. Una preghiera a Renzi. Costruisca un vero ministero dello sport. Lasci perdere questo eccessivo rispetto per l’autonomia che, come tutte le autonomie, sconfina nel privilegio, e metta in atto qualche clamorosa iniziativa di rottamazione. Non se ne può proprio più di vedere sempre le stesse facce. O vale solo per la politica?

 

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Esempi di questi presidenti ne abbiamo anche al Coni a livello locale e sarebbe interessante sapere anche come avvengono le votazioni. Ce ne sono per tutti i gusti, ora dovrebbe toccare un esame attento anche della casta dei magistrati, degli albi professionali ai cui vertici ci sono sempre gli stessi, senza dimenticare la casta dei giornalisti, (quelli strapagati intendo) non quelli pagati a pezzo pubblicato, quando va bene.

  2. Caro Mauro,
    Carraro quando fu ministro non era in quota PSI? Correggimi se sbaglio ovviamente.
    Questa cricca sportiva ha prodotto, ricordiamocelo, i tanti appalti con tangenti di Italia 90, le infiltrazioni nei mondiali di nuoto 2009 e in generale lo stato deficitario dal punto di vista finanziario e insufficiente dal lato sportivo dello sport italiano.

  3. questi sig.ri senatori vecchi di anagrafe e di testa hanno rovinato ìItalia e non se ne andranno mai perchè ingordi, schiavi del denaro e delle renfite di posizione.
    Forza Matteo sono di destra ma ti ho votato perchè sei giovane, coraggioso e stai cambiando l’italia nonostante i gufi .
    s.murella

  4. L’INCONTRO FRA LA DELEGAZIONE DEL PD E QUELLA DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE HA INDICATO DOVE SI ORIENTERA’ IL PAESE NEL FUTURO E QUALE SARA’ LA NUOVA CLASSE DIRIGENTE, IL RESTO E’ QUASI TUTTO DA ROTTAMARE, IL SOCIALISMO MODERNO NASCERA’ DA UNO DI QUESTI SCHIERAMENTI CHE PERSONALMENTE CREDO NON POSSA AVERE RADICI CATTOLICHE O DEMOCRISTIANE.

  5. Il futuro politico e generazionale nel nostro Paese credo oramai sia orientato verso il pd ed il movimento cinque stelle, il resto con il tempo verrà tutto rottamato. Personalmente mi sento più vicino al movimento perchè è più fresco, più pulito, più spontaneo, più vicino ai bisogni veri del Popolo Italiano.

Lascia un commento