martedì, 17 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Brasile 2014, scontri
mondiali sotto silenzio
Pubblicato il 12-06-2014


Brasile-scontriTra festeggiamenti, pronostici e guai organizzativi dell’ultimo momento, come la mancanza di energia elettrica, è arrivato il giorno del fischio d’inizio del mondiali di calcio. Ma c’è un lato che continua a passare sotto silenzio. O almeno messo in sordina per non rovinare la festa a quanti si nutrono di calcio e col calcio fanno affari: quello degli scontri, del malcontento e delle manifestazioni di piazza. A San Paolo, a poche ore dal via della partita inaugurale Brasile-Croazia una ventina di manifestanti sono stati bloccati dalla polizia mentre cercavano di raggiungere la Radial Leste al grido di “senza diritti, niente Mondiali”. Elicotteri della polizia militare hanno sorvolato per tutto il tempo la zona degli scontri.

Mondiali-scontriGli agenti hanno lanciato alcuni candelotti lacrimogeni e hanno arrestato un manifestante. Mentre la polizia militare di San Paolo ha fatto uso di gas lacrimogeni e di pallottole di gomma per disperdere un centinaio di persone che manifestavano e tentavano di raggiungere lo stadio, dove si sta per giocare la partita inaugurale. Almeno 3 manifestanti sono stati arrestati e una decina feriti. Negli scontri sono rimaste ferite anche due giornaliste della Cnn. Una producer della Cnn, Barbara Arvanitidis, ha riportato una probabile frattura a un braccio Mentre la sua collega Shasta Darlington è rimasta ferita da alcune schegge di vetro. Negli scontri a San Paolo è rimasto ferito anche un operatore brasiliano di una tv locale.

Analogo scenario a Salvador, dove domani si giocherà Spagna-Olanda. Qui sì è svolta una manifestazione di protesta, fortunatamente in modo pacifico. I manifestanti, poche decine di persone, si sono riuniti a Largo Do Campo Grande, una delle principali piazze del centro, esponendo bandiere del Partito dei Lavoratori e striscioni con la scritta “Fifa go home”, sotto lo sguardo di alcuni agenti della polizia militare. Nei paraggi della manifestazione si trova anche l’albergo dove alloggiano alcuni dirigenti della Fifa che si trovano in città.
Il calcio di inizio è per stasera, giovedì 12 alle 22 e per i nostri l’attesa durerà altre 24 ore, fino a venerdì a mezzanotte (ora italiana, causa fuso orario).

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento