venerdì, 22 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Startup: in arrivo incentivi e agevolazioni fiscali
Pubblicato il 12-06-2014


StartupIn una recente circolare l’Agenzia delle Entrate ha tracciato una mappa completa e precisa delle agevolazioni fiscali dedicate alle nuove imprese proiettate nel futuro e ad alto valore tecnologico. Dal punto di vista fiscale entrano in gioco sconti, incentivi e semplificazioni per le startup innovative e gli incubatori certificati. Saranno escluse dalle nuove disposizioni le imposte di bollo, mentre saranno presenti detrazioni IRPEF e deduzioni IRES per chi assume. Potranno usufruire delle detrazioni IRPEF i soci delle società in nome collettivo e in accomandita semplice, mentre accederanno a ulteriori detrazioni, fino al 19%, anche le società semplici e le imprese familiari. Altre agevolazioni, pari al 25%, sono previste per gli investimenti nelle startup a vocazione sociale e quelle che commercializzano e sviluppano servizi in ambito energetico. La tecnologia green sarà dunque protagonista di un nuovo modo di fare impresa. Tuttavia vi è il limite di 500mila euro per periodo d’imposta su cui calcolare la detrazione IRPEF riguardante la somma investita nel capitale sociale di una o più startup innovative.

Beneficeranno della deduzione del 20% degli investimenti i soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società(IRES) per una somma non superiore a 1milione e 800mila euro. Deduzione che schizza al 27% nel caso degli investimenti in startup a vocazione sociale. Inoltre le startup che assumeranno a tempo indeterminato del personale altamente qualificato, cioè che abbiano conseguito un dottorato di ricerca universitario, accederanno al credito d’imposta del 35% sui costi di assunzioni per un massimo di 200mila euro. Un po’ di semplificazione sarà riservata alle startup, per le quali non sarà prevista la disciplina per le società di comodo. Inoltre per tutto il periodo in cui una società ha i requisiti per qualificarsi come startup innovativa non è tenuta a fare il test di operatività. Quali sono le tipologie delle nuove imprese che daranno lavoro specialmente ai giovani?

Gli ambiti e le idee per fare impresa sono i più disparati. Le startup che raggiungono maggior successo sono quelle che operano negli ambiti advertising, publishing, gaming, music and design, architecture, food, fashion, turismo, sport, social, wellness e digital. Per maggiori chiarificazioni ai giovani che intendono aprire una startup sarà possibile prendere parte all’appuntamento per il 19 e 20 giugno. Infatti, in quelle date, avrà luogo l’edizione 2014 dell’Expo delle Startup a Milano. Altre forme di finanziamento per le nuove startup italiane arriveranno grazie all’approvazione di Bruxelles, a maggio, del progetto Startup Europe Partnership(SEP). Tali sovvenzioni sono possibili grazie a centinaia di milioni di euro provenienti dal progetto Horizon 2020. Nuove e concrete chance bussano alla porta dei giovani italiani che cercano la “svolta”.

Manuele Franzoso

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento