mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un milione di euro per la Cultura
Pubblicato il 16-06-2014


Franceschini-decreto-culturaLa riunione del Consiglio dei ministri di venerdì scorso ha approvato il decreto proposto da Dario Franceschini. Il ministro dei Beni Culturali ha ideato un bando da un milione di euro per 150 tirocinanti da mille euro al mese destinati a giovani under 30. Questi progetti avranno luogo nei siti archeologici di interesse strategico per l’Italia. Da Pompei a L’Aquila, dalle zone terremotate dell’Emilia alla Sicilia, i giovani italiani con competenze in campo storico, archeologico, archivistico e architetturale potranno mettersi in gioco. Interventi urgenti e straordinari sono previsti per Pompei, la Reggia di Caserta, il centro storico de L’Aquila e le biblioteche nazionali. I tirocini serviranno a realizzare opere di tutela, valorizzazione e fruizione del patrimonio artistico nazionale.

I 150 tirocini formativi dureranno 6 mesi e non coinvolgeranno ragazzi sopra i 29 anni di età. Per accedere a questa opportunità sarà necessario superare un test di selezione per titoli e sostenere un colloquio. L’obiettivo è quello di individuare i ragazzi più meritevoli e brillanti, i quali abbiano conseguito la laurea a pieni voti e seguito corsi di perfezionamento. Tuttavia sarà attribuita più importanza a coloro che hanno alle spalle un dottorato di ricerca. Franceschini ha dichiarato che l’indennità prevista per tirocinanti, pari a mille euro lordi mensili, è stata equiparata all’importo medio delle borse di studio per i dottorandi nelle università italiane. I 150 tirocini sono stati suddivisi per urgenza, cioè per quei siti che necessitano di un immediato restauro. Ben 50 ragazzi si occuperanno di Pompei; 20 per la valorizzazione delle residenze borboniche; 15 per il centro storico de L’Aquila; 15 per le zone emiliane colpite dal sisma del 2012 e 50 per gli archivi di Stato e le biblioteche nazionali di Roma e Firenze.

I giovani per cui si prospetta un primo impiego dovranno avere conseguito almeno una laurea in: Archeologia; Architettura; Archivistica; Beni Culturali; Ingegneria Civile; Ingegneria Informatica; Scienza e Tecnologia per i Beni Culturali; Scienze Forestali e Ambientali; Storia dell’Arte; Tecnologia per la conservazione e il restauro dei beni culturali. Il ministro Franceschini ha assicurato di trovare altre risorse economiche per aumentare il numero dei tirocini formativi. Oggi più che mai è doveroso investire nella cultura e nella tutela del nostro patrimonio artistico nazionale, il quale è la nostra Storia. La nostra identità.

Manuele Franzoso

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Rispetto a quel che si dovrebbe fare per la cultura in questo paese ciò equivale a “neanche una bricciola”, ma del resto come si dice: piuttosto che niente, meglio piuttosto!..detto questo Franceschini rimane sempre e comunque la persona meno indicata per fare il ministro della cultura..

Lascia un commento