domenica, 21 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Lunghi:
A cosa è servita la lista Tsipras?
Pubblicato il 04-07-2014


Vorrei chiedere a quei compagni,  che durante la campagna elettorale per le elezioni europee hanno tirato fuori dal cilindro  la candidatura di TSIPRAS (niente da dire sulla bravura e rettitudine  della persona), ma lo sapevano che avrebbero consegnato ancora ai conservatori la Presidenza Della Commissione Europea dividendosi – come sinistra – sulla candidatura  unica  del socialdemocratico riformista  Schulz.   Saranno contenti ora se in questa prossima legislatura, non riusciremo a creare nemmeno l’ombra di quella UNIONE POLITICA  che tutti  – a parole – desideriamo. Non solo per far uscire la comunità  dalla crisi  ma anche per farle avere maggiore potere e prestigio al livello mondiale. Tra questi,ci sono anche compagni di fede socialista, e questo è quello che scoccia maggiormente. Non importa se il  grande Matteo, nel dire che voterà  per  Juncker,   aggiunge che  una volta ha detto che è d’accordo con gli euro bond (gran bella cosa. Se manterrà  questa promessa) ma tutto il resto???
Luciano Lunghi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. e meno male che qualche socialista e qualche ex elettore PD (come me) hanno votato Tsipras. Per un’Europa sicuramente più keynesiana e un’Italia meno renziana. Il fatto è che altri partiti socialisti europei hanno fatto flop (Francia in primis): ecco perchè abbiamo Junker.

  2. caro Lunghi, la domanda giusta è quell’altra: cosa ha ottenuto il PSI di Nencini dall’ accordo-bidone col renzi? Bersani avrebbe onorato l’impegno ma questo spregiudicato..Per questo non ho votato PD e da vecchio riformista ex PCI sono contento (obtorto collo) di aver votato Tsipras per un’Europa più keynesiana.
    Se il PSE non ce l’ha fatta dipendse dai flop di altri, Francia in primis. Serva di lezione: ora lotta dura all’Italicum e alle pseudo riforme istituzionali renzusconiane. E coraggio per ripresentare il volto del PSI. Eletttoralmente c’è una prateria virtuale là fuori…

    P.S. provo a scrivere per la quarta volta: cos’à il vostro software??

  3. se i socialisti non hanno votato per i candidati socialisti nella lista europea pd-pse è ovvio che non riescono a concludere nulla e non possono essere rappresentati, sono i primi a farsi del male da soli ! altro che consolarsi con la vera sinistra, qui è autolesionismo puro !!!

  4. La lista Tsipras è servita a dimostrare che esistono socialisti che intendono il Socialismo come Giustizia sociale e Libertà. Libertà di non essere cooptati nel pd partito inesistente formato da una accozzaglia di ragazzini incompetenti, presuntuosi e arroganti che distruggeranno le istituzioni e non risolveranno i “veri” problemi del paese. Paese che è in declino, anzi in dissoluzione, per merito del duo d’Alema-Berlusconi un (ex)-comunista e un piduista. Continuerò a votare per chi ritengo opportuno.

Lascia un commento