venerdì, 21 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

A Roma la presentazione
del saggio di Luigi Iorio
Pubblicato il 23-07-2014


Copertina_libro_Iorio“Pronti a cambiare! Dall’Europa dell’austerità ai diritti del terzo millennio. Analisi e proposte per ricostruire un’Italia diversa”. Questo il titolo del saggio di Luigi Iorio, avvocato, dirigente nazionale Psi e presidente dell’Assemblea nazionale del Forum dei Giovani – che verrà presentato domani a Roma, presso i “Vivai”, alle Terme di Caracalla alle ore 18. Edito dalla storica casa editrice fondata da Pietro Nenni, Mondoperaio, il saggio si articola in due parti: la prima d’analisi e approfondimento, La seconda con gli interventi di esponenti della politica e non solo.

LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO – Alla presentazione prevista per domani saranno presenti Marco Di Lello, presidente componente socialista Camera, gli esponenti del Pd Danilo Leva, Umberto Marroni, Stefano Fassina, Carmelo Lentino, vicario del Forum nazionale giovani e Giacomo D’Arrigo, direttore agenzia giovani. L’incontro sarà moderato da Michele Centorrino coordinatore commissione cultura del Forum dei Giovani piattaforma che ha patrocinato l’iniziativa.

IL SAGGIO – Dopo aver rilevato le difficoltà in cui versa l’Italia, Iorio affronta una serie di tematiche che vanno dall’Europa ai diritti, passando per il lavoro, il welfare, i saperi e la giustizia. La seconda parte del saggio contiene numerosi interventi di esponenti della politica e non solo: da Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi a Nichi Vendola, segretario nazionale di Sel, passando per Susanna Camusso – segretario generale Cgil, – Stefano Fassina del Pd e Andrea Orlando, attuale ministro della Giustizia. Ci sono poi i contributi di Marco Di Lello, presidente del gruppo socialista alla Camera, Gianni Pittella, vicepresidente vicario del Parlamento europeo, e del giornalista-saggista Alessandro Cecchi Paone. L’obiettivo dell’autore è quello di “immaginare e raccontare un Paese diverso. Il Paese che vogliamo” come afferma lo stesso Iorio. “In Italia si parla tanto di problemi e difficoltà, – continua l’esponente socialista, – ma di fatto si resta fermi, non si trova una via d’uscita. Io ricerco soluzioni condivise per il miglioramento del “sistema Italia”, ricostruendo una nuova sinistra di governo partendo da un comune perimetro di idee che sia da collante per un progetto ampio e ambizioso. Per un’Italia giusta, solidale e moderna, dunque progressista”.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento