venerdì, 25 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fuga da Gaza sotto una pioggia di bombe
Pubblicato il 18-07-2014


Israele-attacca-Gaza

Decine di famiglie sono in fuga sotto gli intensi bombardamenti israeliani nel nord di Gaza. Fuggono come possono, a piedi e sui carretti trainati da asini. Il timore di un’escalation è concreto.

“Tenetevi pronti per allargare il teatro delle operazioni” ha detto ai militari il premier israeliano Benjamin Netanyahu che con il ministro e capo dell’esercito Moshe Ya’alon, questa mattina ha convocato una conferenza stampa per annunciare un possibile ampliamento dell’invasione della Striscia di Gaza. La missione dei soldati – ha spiegato – è quella di “distruggere i tunnel e sferrare un duro colpo a Hamas ed alla Jihad islamica”. L’obbiettivo è annientare l’impalcatura “del terrorismo, distruggere i tunnel (che attraversano il confine con l’Egitto e servono al contrabbando di merci e di armi ndr) e, nello stesso tempo, sferrare un duro colpo alle organizzazioni terroristiche e a tutti quelli che provano a danneggiare la sicurezza d’Israele”. “In questo momento – ha spiegato ancora il primo ministro evidentemente preoccupato dalla ricaduta interna di quanto sta avvenendo – l’esercito ha bisogno del completo sostegno della popolazione israeliana per portare a termine la missione che si sta compiendo in questi momenti”.

Striscia di Gaza - La direzione di fuga della popolazione civile in questa cartina del New York Times

Striscia di Gaza – La direzione di fuga della popolazione civile in questa cartina del New York Times

Anche l’esercito israeliano ha avuto intanto le sue prime vittime, un soldato morto e alcuni feriti. Numeri irrisori rispetto alle ‘vittime collaterali’ tra i civili palestinesi delle rappresaglie a suon di bombardamenti aerei, navali e terrestri, che hanno fatto in pochi giorni oltre 260 vittime e più di duemila feriti senza contare la distruzione sistematica di abitazioni e di infrastrutture civili. Un disastro immane che sta spingendo una popolazione di oltre un milione e mezzo di persone che vive ammassata in 360 chilometri quadrati, con un embargo economico pressoché ininterrotto da decenni, la rarefazione di beni primari a cominciare dall’acqua, a fuggire altrove appena è in condizioni di farlo. Una situazione già grave da tanto tempo e che è peggiorata dopo l’offensiva di Tsahal, l’esercito di Tel Aviv, in seguito alla pioggia di razzi lanciato dall’ala militare di Hamas, le Brigate Ezzedin al-Qassam, sul territorio israeliano.
A far precipitare tutto, il rapimento e l’uccisione di tre ragazzi israeliani, il 7 luglio scorso. Hamas, che non ha smentito né condannato, sarebbe responsabile dell’assassinio di tre adolescenti israeliani, Eyal Yifrah, Gilad Shaar e Naftali Fraenkel, seguito a ruota dalla vendetta di un gruppo terroristico israeliano contro un ragazzo palestinese a sua volta rapito e bruciato vivo.
Un comportamento incomprensibile dall’una e dall’altra parte perché né il terrorismo dell’ala radicale del movimento palestinese, in questo caso gli islamici di Hamas alleati dei Fratelli Musulmani, né le punizioni collettive (condannate a più riprese anche dall’Onu) dell’esercito israeliano contro una popolazione civile inerme, hanno mai dato prova di migliorare la situazione sul campo, e invece hanno funzionato benissimo solo nel mantenere lo statu quo e nel dare vigore ai ‘falchi’ delle due parti in assenza di qualunque strategia politica.

Gaza_fuga_civiliNetanyahu, che alla sua destra a molti ‘falchi’ pronti a cavalcare le comprensibili paure dei cittadini, ha ripetuto così il cliché di un’occupazione militare che non produrrà frutti se non mediatici e di pura propaganda e che è invece molto pericolosa e costosa come insegnano le precedenti esperienze. Hamas spera invece di capitalizzare il bagno di sangue e l’orrore delle stragi di civili innocenti per spenderlo nel conflitto politico che oppone gli islamisti ai ‘laici’ di Fatah, ma anche per mantenersi a galla nel maelström mediorientale e regionale, nella gigantesca partita per la supremazia religiosa e politica dall’Egitto all’Iraq, dalla Siria alla Turchia, dall’Iran alle monarchie del Golfo, che si sta giocando tra sciiti e sunniti.
Insomma nulla di buono c’è da aspettarsi per gli abitanti di Gaza, ridotti a carne da macello, mentre le iniziative diplomatiche finora si sono rivelate tutte inefficaci, forse perché le due parti sono ancora troppo forti per volere davvero la pace.
Armando Marchio

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento