martedì, 16 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Generazione di Telemaco
Pubblicato il 03-07-2014


Giusto che i giovani possano diventare re al posto dei padri? In una monarchia dinastica succede sempre. Che sia giusto ne dubito. Ma che Telemaco sia stato particolarmente sfortunato per avere avuto un padre come Ulisse è fuor di dubbio. Nessuno si è mai accorto di lui e non fosse per via della sua famosa tela neanche si sarebbero accorti di Penelope, la moglie fedele. Se Ulisse è stato un eroe che ha solcato mari inarrivabili, che ha sfidato e vinto con l’astuzia il gigante Polifemo e distrutto da solo i Proci, che colpa ma anche che meriti può vantare Telemaco? D’altronde questa penalità di aver avuto grandi padri è frequente anche oggi. Pensiamo ai figli De Gasperi e alle figlie di Nenni. E poi ai figli di Fanfani, di Forlani, di Cossutta, dello stesso Craxi. I figli di padri importanti, forse con l’unica eccezione di Bush, non diventano mai altrettanto importanti. Per colpa di chi? Il problema semmai é non pretendere di diventare qualcuno solo per essere figli di grandi padri. Telemaco non poteva pretendere di diventare un mito solo per essere giovane e figlio di Ulisse. Renzi deve rendersene conto e farsene una ragione, anche se, fosse stato per lui, Telemaco lo avrebbe fatto ministro e Ulisse no….

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento