domenica, 24 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il trionfo di Nibali sui Pirenei, Parigi lo attende in giallo
Pubblicato il 24-07-2014


Strepitoso, imbattibile, arriva solo anche sull’ultima salita dei Pirenei ad Hautacam, dopo aver scollinato il mitico Tourmalet. Vincenzo Nibali ha staccato tutti e aperto un solco, anzi una voragine, sulla seconda posizione, oggi strappata da Pinot a Valverde, con oltre sette minuti di distacco. Nibali sta trionfando a tre giorni dal gran finale sui Campi Elisi, dove solo sei italiani nella storia sono saliti sul primo gradino del podio. Dopo Bottecchia, nel 1924 e nel 1927, dopo Bartali nel 1938 e nel 1948, dopo Coppi nel 1949 e nel 1952, dopo Nencini nel 1960, dopo Gimondi nel 1965 e Pantani nel 1998, è la volta di Nibali. Sette magnifici corridori che hanno portato il tricolore in giallo. Due francesi (Pinot e Perault) sono oggi in seconda e terza posizione, seguito da Valverde di pochi secondi. La cronometro deciderà la altre posizioni del podio. La prima è ormai assegnata e la prova contro il tempo potrebbe ulteriormente avvantaggiare il nostro campione. È vero, mancavano Froome e Contador, caduti e ritirati. Ma questo Nibali era troppo forte per temere qualsiasi altro avversario. Non ha vinto, ha stravinto. Senza se e ma, ha cannibalizzato Il Tour.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sono da sempre un appassionato di ciclismo, qui a Ortonovo ci sono state e ci sono ancora delle ottime squadre per Allievi e Dilettanti.Ho seguito tutti i giorni il Tour, seguirò anche oggi la cronometro e chi sa, che lo squalo non ci faccia una piacevole sorpresa.
    Di Nibali, ammiro oltre la classe indiscussa, la sua umanità e semplicità, che lo rendono ancora più campione.

Lascia un commento