domenica, 24 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La rotta del sale:
percorso marittimo
tra Cervia e Comacchio
Pubblicato il 25-07-2014


La rotta del salePer tutta l’estate “TUR. RIVERS-Promozione dei territori rurali tra i Grandi fiumi”, progetto teso a qualificare l’offerta turistica tramite la valorizzazione di itinerari dell’area rurale tra le grandi mete turistiche di Venezia, Verona e Ravenna, propone il nuovo itinerario turistico “La rotta del sale” fra Cervia e Comacchio.

L’iniziativa coinvolge i territori di sette GAL, fra cui DELTA 2000, comprendendo cinque province e due regioni. Rievocando l’antica Rotta del sale, collegamento marittimo effettuato da barche storiche per il trasporto del prezioso minerale da Cervia alla Serenissima Repubblica di Venezia, l’itinerario propone un viaggio nel Delta del Po, fonte di esperienze suggestive. Il percorso si effettua in motonave, poi si prosegue in pullman o in bicicletta o con escursioni a piedi per conoscere il territorio sotto il profilo storico e ambientale, gli antichi mestieri, le aree naturalistiche ricche di avifauna.

In queste valli, in cui il fenomeno della subsidenza rende il piano delle campagne più basso di qualche metro rispetto al livello del Po, tanto che è comune il detto “gli uccelli volano più in basso dei pesci”, si può avvistare una varietà di uccelli migratori e stanziali come fenicotteri, folaghe, gabbiani, cavalieri d’Italia, aironi, svassi, garzette, gallinelle d’acqua, spatole dal lunghissimo becco per pescare sul fondo, neri cormorani appollaiati su un palo con le ali aperte per asciugarsi al sole e numerosi altri che, pacificamente, condividono con l’uomo il territorio. Molte di queste terre, sottratte all’acqua con la bonifica, sono grandi estensioni di campi verdi coltivati a riso.

Con un tour dimostrativo, dopo aver sperimentato la Rotta del sale da Cervia a Porto Garibaldi, siamo arrivati in motonave a Barricata, nel ramo del Po di Tolle, cuore del Delta veneto. Sbarcati, alcuni hanno effettuato in bici il percorso panoramico degli “orti dell’acqua” fino all’Oasi di Ca’ Mello sull’antico argine lungo la Sacca degli Scardovari, altri hanno proseguito in pullman per visitare in barca lo stabulario e osservare l’allevamento delle cozze, che coinvolge molti pescatori della zona.

A luglio e agosto vengono proposti al pubblico due itinerari: via mare da Cervia a Porto Garibaldi, trasferimento in pullman a Comacchio per la visita della città lungo i canali di Trepponti e al Museo della Manifattura dei Marinati per conoscere l’antica tradizione della lavorazione dell’anguilla, rientro in serata. L’altro segue il percorso inverso, con partenza in motonave da Porto Garibaldi e arrivo a Cervia, la città dei salinari e pescatori, dove in bicicletta si visita il porto canale, il centro storico, il Cubo Magico della Bevanella e, in barca elettrica, le saline.

Da luglio a settembre, a Cervia l’iniziativa “Dal mare al sale” cofinanziata dall’Unione europea, propone “Il paesaggio in tavola” con itinerari guidati su cultura, tradizioni, ambiente e gastronomia. Presso la Torre San Michele, nel complesso del Magazzino del Sale che ospita anche il Museo, viene esposta una breve introduzione alla storia del sale, l’“oro bianco di Cervia” e primaria risorsa economica, poi trasferimento in bicicletta al Centro Visite della Salina per un approfondimento sulla tecnica di allevamento delle cozze, e degustazione di prodotti tipici. L’11 e 13 settembre gita in motonave dal porto canale di Cervia e visita agli impianti di allevamento delle cozze; a conclusione degustazione di gastronomia locale.

Guerrino Mattei

 

 

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento