giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Monsieur Nibali, la vie en rose et en jaune
Pubblicato il 27-07-2014


Anch’io oggi sto sul paracarro. Scalpitando sui miei sandali. E ti lascio andare al cine perché io sto qui e aspetto Nibali che arriva in giallo a Parigi. Già’ in rosa al Giro del 2013 e prima trionfatore alla Vuelta. Eccolo, sta pedalando tranquillo con la sua Astana in testa alla corsa. Ha convocato i sedici italiani a prescindere dalle squadre per tingere di tricolore la sua maglia gialla. Ha abbracciato il corregionale Visconti, ha scherzato con De Marchi, con Oss, con Bennati, col fido Scarponi. I francesi si fingono gratificati perché Peraud e Tibault Pinot si sono piazzati nei posti d’onore. Ma è dal 1985 che non vincono il loro Tour, dall’ultimo trionfo di Bernard Hinault, mentre gli italiani sono sfilati primi anche nel ’98 col povero e grande Pantani. Nibali sta arrivando alle porte di Parigi. E pensa, ne sono sicuro, a Ottavio Bottecchia, a Gino Bartali, a Fausto Coppi, a Gastone Nencini, a Felice Gimondi, a Marco Pantani. Magari soprattutto a Marco, penalizzato e umiliato mentre il dopato Armstrong stravinceva sette Tour col trucco. E penserà forse anche all’Italia mondiale, laggiù in Brasile ridicolizzata da una Costarica qualsiasi. E si dirà che lui forse ha riscattato l’onore italico così umiliato in Sudamerica. Siamo sui Campi Elisi, la folla è imponente. Un italiano trionfa tra due ali di francesi un po’ contenti e un po’ invidiosi. Forse anche incazzati, coi giornali che svolazzano. Nibali sorride e con lui una volta tanto vinciamo anche noi che, nonostante i nostri Balotelli, non riusciamo ad abituarci a perdere.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento