venerdì, 17 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Enrico Buemi:
Faziosità antisocialista al Tg1
Pubblicato il 15-07-2014


Il senatore Enrico Buemi ha scritto al Presidente della Commissione parlamentare Rai, Roberto Fico, al Direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi e al Direttore del TG1, Mario Orfeo: “Assisto in RAI a faziosità antisocialiste al TG1 senza motivazione alcuna. Nel servizio “Spese Pazze, prime condanne” firmato da Giulia Palmieri  andato in onda nell’edizione del Tg1 delle 20.00 del 14 luglio, in cui si dà  conto dell’iter giudiziario relativo ai consiglieri regionali coinvolti  nella vicenda cosiddetta “Rimborsopoli” del Consiglio regionale del  Piemonte, nell’informare che, a seguito di rito abbreviato, sono già  stati condannati quattro ex consiglieri regionali, l’autrice del servizio,  omettendo  di indicare l’appartenenza politica di tre di essi, ha definito “ex socialista” la ex consigliera Carla Spagnuolo, che fu eletta nelle  elezioni regionali del 2010 nel listino del presidente Cota ed era  iscritta al gruppo di Forza Italia, partito di cui, evidentemente, fa parte.
Atteso che non mi risulta esista un partito o un’associazione ex  socialista nelle istituzioni, considero gravemente scorretto e  pregiudizievole codesto modo e non è la prima volta, da parte di un redattore di un TG del  servizio pubblico, di fornire informazione agli utenti e auspico che la  direzione del Tg1 assuma i necessari provvedimenti“.

Enrico Buemi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. sempre la solita storia!
    Se sei socialista oggi, probabilmente non delinqui, anche perché il potere da gestire non ha nulla a che vedere con i primi decenni delle Repubblica
    Se lo sei stato, più o meno convintamente, ha una naturale propensione a commettere reati, quasi a volere suffragare le teorie lombrosiane del delinquente naturale
    BASTA!!!!!!!!
    Anche per ciò cheè successo al Direttore nel parco di Reggio Emilia , esempio lampante della stupidità media dell’italiano cavernicolo del tipo “so tutto io di politica” e oggetto dll’ottimo editoriale conseguente, dobbiamo compiere una degna e non più rinviabile OPERAZIONE VERITA’
    Nel PSI i ladri c’erano, così come negli altri partiti
    Non tutti, ma solo una minoranza, erano degni di essere giudicati colpevoli.
    Tiriamo fuori le percentuali dei condannati IN VIA DEFINITIVA che hanno avuto la tessera del PSI
    I reati contro la pubblica amministrazione erano commessi anche da dirigenti dei partiti della 1.ma Repubblica, sia se erano al Governo del Paese che all’opposizione
    E non dimentichiamoci dei ” bugiardi” e degli ” extraterrestri”
    SI IMPONE UNA DEGNA OPERAZIONE VERITA’
    Il PSI non può continuare ad essere descritto come una banda di mariuoli e di ladri

Lascia un commento