domenica, 19 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Spagna, Rajoy va avanti con le liberalizzazioni
Pubblicato il 04-07-2014


Spagna-RajoyDopo aver annunciato la riforma del fisco, il governo spagnolo del premier Mariano Rajoy non vuole dare l’impressione di aver rallentato nella tabella di marcia delle riforme. I ministeri dell’Economia, dell’Industria, dello Sviluppo e della Giustizia, stanno ultimando un piano per liberalizzare l’economia spagnola che sarà approvato dal Consiglio dei ministri entro la prima settimana di agosto.

Le nuove misure economiche affronteranno, tra le altre cose, le questioni relative all’estensione degli orari di apertura dei negozi nelle zone turistiche, il disegno di legge sui servizi professionali e i nuovi regolamenti per offrire maggiore libertà nel settore dei trasporti e dell’energia secondo quanto spiegato dalla vicepremier Soraya Sanz de Santamaria nella consueta conferenza stampa del venerdì dopo la riunione del consiglio dei ministri al palazzo della Moncloa.

Psoe-RajoyIl decreto introduce inoltre la privatizzazione parziale dell’ente di gestione degli aeroporti, l’Aena, la liberalizzazione del traffico ferroviario di passeggeri e una normativa sui droni. Il pacchetto di riforme, che dovrebbe essere l’ultimo piano del ministro dell’Economia, Luis de Guindos, prima di sapere se guiderà o meno l’Eurogruppo dei popolari a Strasburgo, mira a “contribuire al rafforzamento dell’economia del Paese, che potrebbe raggiungere un tasso di crescita del PIL vicino all’1,5 per cento entro la fine del 2014”, ha annunciato lo stesso de Guindos.

L’obiettivo del governo, che intende ricorrere a un decreto regio, è quello di accelerare l’attuazione di queste misure, che altrimenti richiederebbero molto più tempo con il rischio evidente di non poter essere attuate in questa legislatura e, soprattutto, di non avere l’effetto desiderato dal punto di vista elettorale. D’altro canto è lo stesso Rajoy a voler lanciare un chiaro messaggio a Bruxelles: dopo quella fiscale, il suo governo non ha mai smesso di attuare riforme. Una prova di forza messa in atto dai popolari spagnoli per approfittare anche del caos che sta attraversando il PSOE concentrato più sul fronte interno alla ricerca del nuovo segretario generale, che verrà eletto il prossimo 13 luglio, che su una azione di opposizione compatta in Parlamento.

Sara Pasquot

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. La politica delle destre ovviamente pensa solo all’immediato, facendo migliorare gli indici economici ma non pensa agli effetti pericolosi delle facili privatizzazioni che sicuramente ammazzeranno ancora di più le fasce più deboli della popolazione. – destra + futuro

Lascia un commento