domenica, 17 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Balcani, una Dichiarazione
per gli scomparsi in guerra
Pubblicato il 30-08-2014


Profitti-di-guerra_largeIn occasione della Giornata internazionale per gli scomparsi, i presidenti di Croazia, Ivo Josipovic, Serbia Tomislav Nikolic, Montenegro Filip Vujanovic e il leader della presidenza tripartita bosniaca Bakir Izetbegovic hanno firmato a Mostar una dichiarazione con la quale i quattro Paesi balcanici si impegnano a continuare nelle ricerche delle persone scomparse nelle guerre degli anni ’90 nella ex Jugoslavia, garantendo il rispetto dei diritti dei familiari degli scomparsi.

Il documento, che definisce il ruolo e la responsabilità degli stati nella ricerca delle persone scomparse a causa dei conflitti e di violazioni dei diritti umani, è stato redatto dalla Commissione internazionale per le persone scomparse (Icmp). L’intento è che venga firmato dal maggior numero possibile di Paesi, per costituire poi un’organizzazione internazionale che sia la prima ad arrivare sul luogo di sterminio o di catastrofi naturali.

Secondo i dati dell’Icmp, nelle recenti guerre jugoslave sono scomparse 40.000 persone, di cui circa 30.000 in Bosnia. I resti di una parte di questi sono stati successivamente identificati, ma a distanza di quasi vent’anni non si conosce ancora la sorte di 12.000 persone. In Bosnia, dove l’apposito Istituto ricerca ancora 8.000 persone, negli 11 obitori dove si raccolgono i resti esumati dalle fosse comuni sono custodite le ossa di circa 4.000 vittime non identificate della guerra del 1992-95.

E’ un problema comune di tutti i Paesi dell’ex Jugoslavia, ma la priorità, ha detto il presidente montenegrino Vujanovic, deve essere anche quella di perseguire tutti gli autori dei crimini e della scomparsa delle vittime. “E’ una questione di verità e di giustizia – ha affermato il croato Josipovic – e non è un compito facile, ma è indispensabile per il risanamento della società, il perdono e la riconciliazione, per il progresso e un futuro sano”

Secondo Amnesty International, a 15 anni dalla fine del conflitto nei Balcani, sebbene abbiano ratificato la Convenzione per la protezione di tutte le persone dalle sparizioni forzate, Bosnia-Erzegovina, Serbia e Montenegro devono ancora assolvere ai propri obblighi di fornire ai parenti degli scomparsi la verità in merito alle circostanze delle sparizioni forzate, i progressi e i risultati delle indagini, nonché sulla sorte toccata alle persone scomparse. Croazia e Macedonia hanno firmato la Convenzione ma non l’hanno ancora ratificata.

Con la firma della dichiarazione di Mostar si chiude una settimana importante per l’immagine politica dei Balcani, a Berlino il Presidente della Commissione UE Barroso, ha portato l’incoraggiante esempio della Serbia, dell’Albania e del Kosovo e dei progressi da loro fatti segnare, aggiungendo che la Croazia dimostra che l’ingresso nella UE è un obiettivo raggiungibile. Barroso ha anche sottolineato che i Paesi della regione possono contare sul pieno sostegno dei membri UE nel processo di adesione, precisando però che la realizzazione dello stato di diritto, la cooperazione regionale e la buona gestione delle finanze pubbliche rimangono fondamentali.

Sara Pasquot

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento