giovedì, 21 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il gioco di Renzi
Pubblicato il 01-08-2014


Si sono abbracciati come se avesse segnato l’Italia. Hanno esultato e gridato vittoria nell’aula del Senato i cinquestellati, assieme ai leghisti e ai vendioliani. Ma la gioia poteva cogliersi anche nei volti di settori della maggioranza, in particolare nel gruppo Pd. Eppure l’emendamento approvato a scrutinio segreto è pura follia. Si stabilisce che tutte le leggi possono essere approvata dalla sola Camera tranne quelle “eticamente sensibili”, cioè le disposizioni che riguardano la laicità dello stato, come il diritto al fine vita, quello delle coppie di fatto, quello di far figli anche per chi non può generarne, il diritto a divorziare senza attendere le calende greche, e altro. Capisco l’esultanza di Giovanardi, non quella dei grillini e men che meno dei vendoliani.

La verità e che la materia in oggetto non interessa nessuno. Tutto è stato impostato come guerra senza quartiere al patto del Nazareno e in particolare a Matteo Renzi. Certo quest’ultimo fa di tutto per tirarsi addosso le bordate dei senatori. Li tratta come pecoroni, poltronai, pirati. E non accenna a un minino di disponibilità a mediare. Perché Renzi usa il bastone anche se non è affatto sicuro di fare passare la riforma del Senato così com’è? Anzi, credo sia perfettamente consapevole che più alza i toni dello scontro frontale e più allontana la possibilità di fare passare il provvedimento.

Credo per una sola ragione. Renzi mette seriamente in conto di andare a votare in autunno, anche con la vecchia legge elettorale. Lo scenario sarebbe oltremodo a lui favorevole. Renzi apparirebbe agli occhi degli italiani come il riformatore al quale i conservatori di destra e di sinistra hanno impedito di cambiare il Paese. La vecchia nomenclatura opposta ai progetti di rinnovamento del giovane presidente del Consiglio. Il risultato potrebbe essere clamoroso e Renzi oltre a cambiare radicalmente i suoi parlamentari, nominando fedeli a oltranza, potrebbe riuscire anche ad ottenere la maggioranza al Senato, magari in coalizione con qualche vecchio e nuovo alleato.

Oltretutto la situazione economica non permette di puntare sui tempi lunghi. Il consenso al presidente-segretario potrebbe diminuire nel giro di non molti mesi se dopo l’affaire Cottarelli esplodessero davvero problemi per la mancanza di risorse ai fini di finanziare la spesa, compresi quegli ottanta euro che sono stati la sua principale ragione di esistere e uno dei più solidi e attraenti motivi del suo successo. Certo quel si riesce difficilmente a comprendere è la ragione di spianargli la strada da parte delle opposizioni o anche degli alleati meno omogenei. Cantino pure e si esibiscano in balli di vittoria per qualche emendamento ma non dimentichino che alla fine come diceva un vecchio proverbio contadino “ride bene chi ride ultimo”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. L’ottima argomentazione è frutto di un ragionamento l’apalissiano, e gli strilli e strepiti delle opposizioni, nei confronti del Presidente Grasso, ne sono la plastica rappresentazione della loro impotenza latente.

  2. Io credo che vi sia una sopravvalutazione del Presidente Renzi anche in termini elettorali, la mia piccola indagine giornaliera in mezzo alla gente mi segnala che su tre persone che avevano votato Renzi alle Europee una dichiara di non votarlo più perchè anche LUI come tutti i precedenti dei problemi veri, tasse , lavoro, occupazione non conclude nulla.

  3. Senti Mauro, delle due l’una : o andava tutto perfettamente come adesso, cioé con un bicameralismo perfetto, con le identiche competenze tra Camera e Senato ( e io non lo credo) oppure non era meglio semplicemente abolire il Senato ??
    Bastava un unico articolo di Legge di una riga.
    O no ?

Lascia un commento