martedì, 17 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Enrico Maria Pedrelli:
La mia prima volta
Pubblicato il 08-08-2014


No, non è un racconto erotico, anche se dal titolo potrebbe sembrare. E’ piuttosto la celebrazione di una sorta di “battesimo” che chi fa politica, seppur a bassi livelli e per passione, prima o poi riceve: sperimentare l’enorme faziosità di alcuni “giornalisti”. Il giornalista (si, insomma si fa per dire) in questione, si chiama Fernando Pellerano.

In arte, come suggerisce il buon Google: “artiglio”, nome che è tutto un programma. Di quelli noiosamente scontati però. Sul suo blog una sfilza di articoli dalla monotona critica, scritti chissà da quale pulpito, e sul web si scopre che è riuscito persino a procurarsi l’inimicizia (anche questo si fa per dire) della curva rossoblù del Bologna. Si insomma un tipo tutto pace e amore. Tra le collaborazioni, il Corriere di Bologna, Rai Radio Due e Repubblica (ah ecco!).

Si insomma, ho avuto l’onore di conoscere tale amata (e amabile..) persone all’inaugurazione della festa dell’Avanti!, ora “Festa dei Riformisti”, di Bologna. Lo vedevo già che si aggirava inquieto tra gli stand ancora chiusi della festa e poi, dopo aver fatto a me e ad altri giovani compagni delle domande, sparì come era apparso. Tutto a posto tutto regolare. Avevamo risposto gentilmente alle sue domande anche abbastanza critiche ma in fondo il lavoro di un giornalista è questo no?

Il problema è che secondo me l’amico “artiglio”, o forse chi gli ha poi dato lo spazio sul Corriere per il generoso resoconto, non sa che fare informazione e prendere letteralmente e faziosamente”per il culo” gli intervistati non sono la stessa cosa. Soprattutto se si riportano le cose in modo errato e non si contestualizzano.

Per esempio, solo chi ha un bruttissimo rapporto con la percezione reale delle cose (e secondo me l’amico ha litigato anche con quella), può criticare il fatto che ad ascoltare Nencini c’erano (solo?) 101 persone senza sapere però che più di un incontro pubblico si trattava della riunione del Direttivo Regionale allargata agli amministratori locali. Solo un giornalista fazioso e bugiardo può modificare le parole del segretario nazionale da “chi di noi del vecchio partito è rimasto, è qui solo per passione e per non fare finire una storia” a “chi è qui è solo per passione e per non fare finire una storia”. Le parole e il modo in cui si mettono sono importanti, e almeno questo dimostra di saperlo bene! Senza contare che secondo questa attentissima persona, che avrebbe fatto meglio a scriversi bene le cose in quel benedetto blocchetto, noi giovani avremmo affermato in coro che siamo nel PSI per “gli ideali diversi da quelli degli altri che non ce li hanno”. Mamma mia che giornalista. Peccato che in realtà ognuno di noi ha detto la sua in modo diverso e che in realtà la frase è “per l’ideale socialista, che nessuno dei partiti principali, PD M5s e FI, ha”.

Insomma continuare non serve, anche perchè l’artiglio (il terrore dell’Occidente..) non è nè il primo nè l’ultimo del suo genere. Non abbiamo bisogno di nascondere che siamo in pochi, che l’età media del PSI è molto alta, e che per risparmiare (a differenza di chi ha soldi dappertutto) si riciclano alcune cose. Piuttosto in quest’occasione dobbiamo ricordare, a tanti (carissimi..) amici come questi, una cosa: a noi socialisti niente piace di più del dimostrare ai nostri avversari che si sbagliano. Malgrado tutto siamo ancora vivi (uno zoccolo di 0,9 cm, ma tacco 12, e fa male..). E malgrado tutto sapremo ancora stupire, specialmente questa gente morbosamente noiosa.

Alla fine, come ho detto, ognuno ha il suo “battesimo”. Anche se in questo caso, per un ragazzo di 17 anni che si scopre appassionato di un partito che tutti credono morto, un po’ inaspettato. Quindi grazie signor Pellerano, per questa magnifica prima volta. Solo una cosa: per essere il famosissimo “artiglio”, è un po’ moscio. Da lei, un uomo vissuto, mi aspettavo un po’ di più.

Enrico Maria Pedrelli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Enrico Maria, non sai quanto mi ha fatto piacere cogliere le tue affermazioni fatte con tanta bravura e determinatezza, denotano una maturità da persona non certo della tua età.
    Mi auguro che il tuo approccio al Partito non sia momentaneo, ma duraturo. Io potrei essere tuo nonno, ho un passato da amministratore pubblico e sono convinto Socialista per le tue stesse ragioni.
    Il Partito Socialista è una casa dove possono convivere gli anziani, gli adulti con i giovani. Non si rottama nessuno.
    Le persone della mia età devono capire il ruolo che possono e devono svolgere, cioè quello di responsabilizzare e aiutare i giovani a crescere. A La Spezia abbiamo un Segretario di Federazione che ha poco più di venti anni, io sono stato e sono, il più convinto dei suoi sostenitori. Mauro Del Bue conosce molto bene la nostra realtà.
    Se ti fa piacere io sono dalla tua parte, impegnati, il P.S.I. ha bisogno di compagni giovani come te.
    Un caro saluto.

Lascia un commento