domenica, 19 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Agricoltura, fioriscono le assunzioni
Pubblicato il 02-09-2014


giovani-agricoltoriSe nelle grandi imprese l’occupazione nel mese di giugno, in termini destagionalizzati resta invariata rispetto a maggio – sia al lordo sia al netto dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig) – nell’àmbito dell’agricoltura si è registrato un autentico boom di assunzioni. L’incremento del numero di lavoratori dipendenti è stato infatti del 5,6% nel secondo trimestre del 2014 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat in occasione della diffusione dei numeri sull’occupazione nelle grandi imprese italiane a giugno. “Questi dati, confermano che – nonostante tutto – l’agricoltura continua a rappresentare un ambito produttivo che tiene” ha dichiarato all’Avanti! Oreste Pastorelli, deputato Psi, nonché membro della VIII Commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici alla Camera.

LA CRESCITA NEL SETTORE AGRICOLO – Il trend positivo dell’agricoltura – sottolinea la Coldiretti – è il risultato di una crescita record del 27,6% al nord e del 28,6% al centro, mentre si registra un calo nel sud Italia (- 8,3%). Si stima peraltro – precisa la Coldiretti – che un lavoratore dipendente su quattro abbia meno di 40 anni; nell’àmbito delle assunzioni in agricoltura si registra anche una forte presenza di lavoratori giovani e immigrati. Un segnale incoraggiante per battere la disoccupazione proviene anche – continua la Coldiretti – dall’aumento del numero di imprese agricole condotte da giovani under 35 che, nel secondo trimestre sono salite a 48.620 unità con un aumento del 2,6% rispetto al trimestre precedente.

PASTORELLI: “SPAZIO AI GIOVANI AGRICOLTORI” – “I recenti dati confermano che l’agricoltura è il settore su cui puntare e, per molte realtà rappresenta una via percorribile che oltretutto può favorire quei settori in cui siamo tra i primi al mondo come la produzione di macchie utensili e macchinari” ha reso noto l’onorevole Psi, Oreste Pastorelli. Il recente decreto “Terrevive” – che per la prima volta consente la messa in vendita o in locazione di 5.500 ettari di terreni agricoli pubblici, con prelazione agli under 40 – “offre una consistente opportunità al settore agricolo, volgendo uno sguardo ai giovani che vogliono diventare imprenditori agricoli” ha aggiunto l’esponente socialista. “Liberare i terreni agricoli pubblici, e assegnarli ai giovani imprenditori per lo svolgimento di attività agricole è il contenuto di una mia proposta di legge, presentata nel marzo 2013, come primo firmatario” ha poi ricordato Pastorelli. “L’iniziativa dell’esecutivo potrà essere in grado di generare nuova occupazione che coinvolgerà una generazione nuova, fatta di giovani preparati ed entusiasti, in un settore fondamentale del Paese che, tra produzione agricola e industria alimentare, vale il 15% del Pil” ha concluso il deputato socialista che ha presentato anche una proposta di legge sull’accesso facilitato al credito per le imprese operanti nel settore agricolo e della pesca.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento