lunedì, 24 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il giorno del crimine lecito
Pubblicato il 05-09-2014


Dunque si parla da più parti di un possibile sciopero delle forze di sicurezza, cioè dei diversi corpi, troppi, ha ragione Renzi, preposti all’ordine pubblico. Parliamo di Polizia di stato, Carabinieri, Guardia di finanza, Forze armate, Guardie forestali, ma anche Vigili urbani in quanto agenti di pubblica sicurezza, e Polizie provinciali. Insomma di una sequela di organismi che fanno più o meno le stesse cose e che sono organizzati in modo gerarchico, con agenti, graduati, comandanti, dirigenti. Che si arrivi presto a una riforma di tutto il settore, mai tentata in passato per le storiche rivalità tra corpi, sarebbe davvero ora. Ma intanto, essendo dipendenti statali, anche costoro si vedono costretti da accettare le disposizioni del governo annunciate forse con un di più di ingenuità dalla giovanissima ministra Madia. Bloccati dunque gli stipendi anche nel 2015. Notizia non drammatica, ma neanche lieta per chi gli stipendi li ha bloccati da anni e anche piuttosto in basso.

Quel che i giornalisti di carta e di etere, e anche di web, non riescono a comprendere, o fanno finta di non comprendere, è che un conto è che scioperino i dipendenti comunali del settore urbanistico, altro che scioperino i vigili e addirittura tutte le polizie. Ma ci rendiamo conto davvero di cosa accadrebbe? A parte il fatto che questo è negato dai loro regolamenti, ma siccome anche loro sono sindacalizzati, pensiamo alla polizia tra Sap e Siulp, un sindacato di destra e uno di sinistra, tutto è possibile. D’altronde solo l’Italia dispone di una magistratura organizzata in partiti, dunque che lo sia anche la polizia non c’è da stupirsi. Mettiamo allora che tutti i corpi di polizia annuncino uno sciopero per il giorno tal dei tali. È evidente che verrebbero immediatamente militarizzati (per la verità lo sono già) e obbligati al lavoro.

Ma mettiamo invece che prevalga la tesi accreditata dai giornalisti e sostenuta da Alessandro Rumore, del Cocer carabinieri, che annuncia, cito tra virgolette”: “Siamo pronti a toglierci la divisa anche a costo di violare quella legge che ci vieta lo sciopero”. E dunque che si decida una astensione dal lavoro di polizia, carabinieri, eccetera eccetera. Sarebbe il giorno dei ladri, dei delinquenti, degli scassinatori. Il giorno ideale per commettere delitti. Tutti costoro potrebbero agire senza pericolo di essere sorpresi. Bisognerebbe raccomandare la chiusura immediata dei negozi o autorizzare i commercianti a fornirsi di armi, chiedere agli automobilisti di lasciare in garage le loro macchine, soprattutto sbarrare le porte alle banche. Oddio, con l’aria che tira, che vengano svaligiate non creerebbe un irreparabile dolore alla pubblica opinione. Poi, riflettendoci un po’, siccome i soldi nostri ancora non abbiamo deciso di tenerli custoditi sotto il cuscino, ci mangeremmo le mani, l’unica cosa rimasta.

Esageriamo? Forse sì. Ma il giorno senza agenti di pubblica sicurezza si trasformerebbe nel giorno del crimine lecito. Mamma mia, che ore dovremmo passare. A meno che, come sosteneva la cultura sessantottina, siano proprio i poliziotti a creare i crimini. Senza, ognuno di noi sarebbe più buono e più giusto. Anche se nel sessantotto c’ero anch’io, non ho mai creduto a queste panzane. Mi auguro per questo che una soluzione si trovi, e che un po di luce venga fatta anche nella testa dei giornalisti che danno queste notizie come quelle relative al libro di Valerie, che ci ha fatto perfino rivalutare Veronica. Chi lo sa, magari rimpiangeremmo anche i bei tempi di Scelba, uno che invece la polizia la usava forse un po’ troppo….

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Concordo sulla impostazione generale del problema, tuttavia non possiamo nemmeno continuare a chiedere sacrifici (in linea generale a nessuno) a coloro che con stipendi veramente ridicoli, ( come molti qualcuno dirà) mettono a rischio la loro integrità fisica per cercare di limitare il delinquere, che non è fatto solo di lotta alle grandi organizzazioni criminali , ma anche e forse in maniera più palese di lotta alla microcriminalità che spesso è violenta. Ora non vorrei che Renzi fosse colto dalla sindrome di “Churchill” anche perché arriverebbe in ritardo, sono anni oramai che diamo “lacrime e sangue”

  2. 5 corpi ,mille politici vivi,tre/quattro mila politici in pensione,tutti impegnati a proteggerci da chi ? dai politici ? LA PAROLA EFFICIENZA suggerisce niente,consideranno il rapporto delitti commessi,delitti risolti,in questo tempo di crisi ci converrebbe pagare poliziotti privati che risolvono i reatti,tanto a delitto,pagamento alla consgna

  3. Se non si ferma nel tempo più breve possibile questa spirale di proteste nei confronti dello Stato, da chi è deputato agli occhi dei cittadini di rappresentare lo stato stesso, solamente uno Stato non democratico di nefasta memoria può affrontare una situazione del genere.
    I sindacati in primo luogo si devono rendere conto che con le loro contra posizioni non fanno che alimentare questo clima.
    Lavorino per arrivare ad un sistema di cogestione per avere sempre sotto mano la situazione e agire di conseguenza.
    Il Governo da parte sua deve fare un atto di verità, mettere in chiaro tutti gli aspetti della situazione scio economica e umilmente accettare il confronto con tutte le categorie comprese quelle delle forze dell’ordine.
    Un po più di responsabilità da parte di tutti, stampa compresa, sarebbe cosa utile.

  4. le polizia locali non fanno parte del comparto sicurezza. PEr cui si beccano tutti i tagli del pubblico impiego, ma pur facendo lo stesso lavoro non hanno equo indennizzo, causa di servizio se vengono feriti sul lavoro e, nel caso Alfano decidesse che la “specialità” delle forze di polizia merita maggior attenzione, rimarrebbero fuori. Questo per amor di precisione

  5. Effettivamente che i corpi delle forze dell’ordine siano troppe e ognuno gestito per prorpio conto con relativi capi e sottocapi è indiscusso. C’è anche da tener in debito conto che ognuna di queste forze ha la propria caserma, i propri mezzi la propria organizzazione. Per quanto riguarda lo sciopero, credo che sia una invenzione gornalistica quello del fermo totale di tutte le forze e i sindacati non sono del tutto sprovveduti, quindi si garantirannoi servizi essenziali minimi. come d’altronde viene fatto con i scioperi della sanità o in altri settori del pubblico impiego.

  6. Concordo con te Mauro…questo governo deve mettere mamo da subito agli sprechi dello stato…il senato eta da abolire fa subito…
    Inoltre tutte quelle municipalizzate che servono solo come ricovero di politici e sindacalisti trombati che non sanno dove metterli con stipendi da capogiro…allora via tutta questa marmaglia!!!
    Ed aprire alle pensioni con la mimima e agli statali con stipendi leggeri come i corpi di polizia tutte.
    Perche’ questi sono sempre in prima linea e rischiano la vita per un pugno di mosche!!!

Lascia un commento