martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giù le mani, ma mettiamoci la testa…
Pubblicato il 20-09-2014


In Italia ci sono circa 60 milioni di persone. I lavoratori dipendenti, tra aziende inferiori e superiori ai 15 dipendenti, sono 12 milioni, più 5 milioni di partite Iva e circa 4 milioni di precari. I lavoratori soggetti all’articolo 18 sono 7,9 milioni, ma rappresentano solo il 3 per cento del totale delle aziende. Sono dunque una piccola percentuale delle imprese quelle soggette all’articolo 18 e una minoranza, sia pur cospicua, dei lavoratori. Con l’ordinamento attuale solo questa piccola percentuale di imprese e questa minoranza di lavoratori gode di qualche protezione. Dopo la riforma Fornero, solo in cinque casi, che si riferiscono sostanzialmente a licenziamenti discriminatori, hanno diritto al reintegro. In altri casi, ma solo per questa minoranza di lavoratori, si procede a ricompense pecuniarie nei casi di licenziamento senza giusta causa.

Il resto dei lavoratori, e cioè la maggioranza, di diritti non ne ha. Ce ne vogliamo occupare? E perché il sindacato, ha ragione Renzi, non se n’è occupato? Io azzarderei una risposta che sostanzialmente è attinente la mancata sindacalizzazione dei lavoratori a tempo, precari, e di piccolissime imprese. Mi prenderò offese ma credo che il sindacato ami assai di più le grandi delle piccole imprese, quelle dove si aprono larghi spazi di potere e di rappresentanza. Ora il punto è il seguente. Dicono i sindacati e la minoranza del Pd coi Sellini alla grancassa. Se è così allora allarghiamo i diritti di chi ce li ha a chi non li ha. Cioè estendiamo l’articolo 18 anche alle imprese sotto i 15 dipendenti oppure accettiamo le tutele crescenti, ma dopo il periodo di prova applichiamo l’articolo 18 nelle forme precedenti.

Due soluzioni assai discutibili. La prima irrigidirebbe ancora di più un mercato del lavoro che ha bisogno di flessibilità, per attirare investimenti. Poco da dire a coloro che contestano la Bce, il Fondo monetario, la Commissione. Ma se gli orientamenti di costoro non vengono presi in alcuna considerazione vorrei sapere quali investitori stranieri verranno da noi, anziché recarsi, come sta succedendo, in Spagna. Vorrei proprio saperlo. La seconda riprodurrebbe la dualità del mercato del lavoro con protezioni diverse, tra lavoratori in aziende con più di 15 dipendenti e lavoratori con meno di 15 dipendenti e tra costoro e i precari di diverse categorie. È giusto? Secondo me no.

La flessibilità sul lavoro è una necessità. Va introdotta la sicurezza del lavoratore, anche quando il lavoro manca. Questo è l’orientamento dei socialisti europei. Dunque bisogna lavorare sull’unificazione dei contratti e dei diritti. Contratto unico per tutti, con tutele crescenti e come dice Bonanni basta coi contatti precari e a tempo determinato che si riproducono all’infinito. Un unico contratto a tempo indeterminato, ma senza l’obbligo dell’assunzione per tutta la vita. Il lavoro per la vita è fuori dal mondo di oggi. Bisogna semmai garantire la protezione per la vita. O almeno per un pezzo di vita, fino alla pensione. Salta fuori il piano Ichino, un giuslavorista che noi abbiamo invitato al congresso costitutivo del Ps, poi deputato del Pd. Quanto costa?

Ma siamo già alla parte finale del progetto che ancora non conosciamo se non negli intendimenti generali sui quali anche Nencini ha detto di concordare. Solo che già adesso, mentre Cisl e Uil paiono disponibili a discutere, la Cgil e la Fiom annunciano proposi bellicosi. Sembra di essere tornati indietro di trent’anni. Al tempi della scala mobile. Del decreto di San Valentino (caro Bersani anche allora si precedette per decreto e si scatenò il finimondo), ai tempi del referendum perso dal Pci di Berlinguer. Ho visto che sono rinati anche i soliti striscioni con i Giù le mani. Queste mani che saltano sempre fuori, si parli di Costituzione o di Statuto dei lavoratori. Bene allora, giù le mani, ma mettiamoci la testa, per favore.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Solo adesso i compagni della cgil si accorgono dello statuto dei lavoratori? Il pci non votò neanche a favore in parlamento perché fatto da un socialista. Dicono i tempi sono cambiati: appunto dopo 40 anni il mondo del lavoro è cambiato; solo loro arrivano sempre in ritardo

  2. Ciao, penso che la riforma Fornero è stata accolta male ed ora perché si vuole ancora colpire i diritti dei lavoratori, si allontana parte dell’elettorato che ricorda le sue promesse. Ora SEL è critica e non solo, Forza Italia è un appoggio temporaneo e non sicuro per l’approvazione delle leggi, credo non sia saggio fare una politica di riforma invece che una seria politica economica e di lotta all’evasione e al lavoro nero per compensare il debito pubblico. Hanno detto che sono state sospese alcune agevolazioni per le opere di ristrutturazione, la messa a norma per l’efficienza energetica e l’attività delle imprese per la produzione delle energie rinnovabili.Le forme di contratto precario sono numerose penso non sia necessario modificare l’articolo 18 già per gli imprenditori con un futuro incerto esistono valide alternative, il futuro economico del non è legato alla soppressione dell’articolo 18 ma all’innovazione e alla creazione di posti di lavoro, vedi il successo della Ferrari e di altri grandi marchi è legato alla qualità del prodotto.

  3. Non ci mettono la testa perché dovrebbero poi spiegarla ai loro iscritti e, da tempo immemorabile, con gli iscritti parlano a slogan, mai con l’intenzione di spiegare. Pensano che la gente “non capisca”. Cosa in parte vera perché lo sforzo di leggere studiare e meditare è diventato, per molti, una fatica inutile. Lo vedo e lo sento quando vado a prendermi il caffè al bar o al bocciodromo della mia città. Tuttavia quando, garbatamente dissenti dai luoghi comuni e poni delle questioni, ti ascoltano, diffidenti, ma comunque interessati. Ma questa fatica il sindacalista di base non la fa più e ancor di meno lo fanno Landini e compagni.

  4. Si ha l’impressione che più della “testa” conti l’ideologia, in questo come in altri casi.

    Riguardo all’articolo del Direttore pubblicato quattro giorni fa, dal titolo “Perché sul Jobs act sto con Renzi”, l’estensore di uno dei commenti domandava cosa si sarebbe pensato in casa Socialista e del Pd se la modifica dell’art. 18 l’avesse proposta il Cavaliere, e concludeva con queste parole “qualche volta dovremmo avere le idee chiare, oppure no!”

    In effetti, se non ricordo male, c’è stato un precedente in tal senso, ossia nel periodo 2001-2002 quando, presidente del Consiglio il Cavaliere, venne presentato dal Governo un disegno di legge per la riforma del mercato del lavoro, che prevedeva anche la delega per intervenire sull’ articolo 18, ma vi fu allora una generale alzata di scudi che bloccò il tutto.

    Assistendo a quanto succede oggi in proposito viene da ragionare alla stregua del titolo di un altro recente articolo dell’Avanti “Arrivano sempre dopo. Perché la sinistra italiana ha perso”, a meno di non convertirsi all’idea che per fare una politica di destra occorre un governo di sinistra, come diceva qualcuno, posto che in tal modo si evitano le grandi reazioni della “piazza”.

    Entrambi detti casi, salvo smentite, sembrano certificare il netto prevalere dell’ideologia rispetto al “metterci la testa”.

    Paolo B. 22.09.2014

Lascia un commento