giovedì, 24 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istat: in Calabria 98 pensionati ogni cento occupati
Pubblicato il 26-09-2014


Pensionati-CalabriaLa Calabria è la regione italiana in cui è più alta l’incidenza della spesa pensionistica sul Pil (21,83%), il rapporto più basso si registra invece nella provincia autonoma di Bolzano (11,24%). E’ quanto emerge da un’analisi dell’Istat sui trattamenti pensionistici relativa all’anno 2012. Inoltre in Calabria si rileva anche il valore più elevato del rapporto tra pensionati e occupati: 90,1 pensionati ogni 100 occupati. Si proprio così. Un rapporto quasi alla pari.
Mentre ancora una volta il valore più basso si osserva nella provincia autonoma di Bolzano, con 51,9 pensionati ogni 100 occupati. La spesa pensionistica procapite più elevata, pari a 6.051 euro, è in Liguria, mentre il valore minimo, pari a 3.275 euro, si registra in Campania (anche a causa della diversa struttura per età della popolazione).

La quota di spesa più elevata (30,0%) è stata erogata nel Nord-ovest, mentre valori prossimi al 20% si sono registrati nel Centro (21,3%), nel Nord-est (20,3%) e nel Sud (18,6%). Il 9,1% è stato corrisposto ai pensionati delle Isole e il rimanente 0,6% a quelli residenti all’Estero. I pensionati del Lazio percepiscono il reddito pensionistico mediamente più elevato (19.163 euro), superiore di quasi il 40% rispetto a quello dei pensionati della Basilicata (13.858 euro), il più basso tra le regioni italiane. Oltre la metà dei pensionati delle Isole (51,4%) e del Sud (50,9%) percepisce un reddito pensionistico mensile inferiore ai 1.000 euro, mentre le quote più elevate di percettori sopra i 5.000 euro al mese sono nel Centro (1,9%) e nel Nord-ovest (1,4%).

Ciò è associato anche alla diversa incidenza delle tipologie pensionistiche sul territorio. Nel Nord-ovest le pensioni di vecchiaia sfiorano il 60% del totale mentre quelle assistenziali sono solo il 13,0%. Una situazione sensibilmente diversa si verifica nelle Isole, dove l’incidenza delle pensioni assistenziali e’ del 27,7% e quella delle pensioni di vecchiaia e’ del 40,0%. La più elevata incidenza di pensioni destinate ad ex lavoratori del comparto pubblico si registra nelle regioni insulari (15,0%); valori più bassi si osservano nelle altre ripartizioni, con il minimo nel Nord-ovest del Paese (9,6%).

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento