martedì, 21 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Terra dei Fuochi
tende ad allargarsi:
scoperti nuovi siti di rifiuti
Pubblicato il 26-09-2014


Terra-dei-fuochiAltri siti di rifiuti sono stati individuati dal Corpo Forestale nel Beneventano. Nuove denunce sono scattate nelle ultime due settimane dai cittadini che hanno segnalato l’infausta scoperta alle autorità competenti. Nuoci comuni sono perciò coinvolti nel territorio campano, dove la camorra ha disseminato rifiuti industriali e scorie e continua impunemente la propria attività criminale. Sì, criminale. Perché l’abbandono di materiali contaminati e rifiuti, che vengono prontamente dati alle fiamme, danneggia irrimediabilmente l’aria e le falde acquifere, provocando patologie tumorali.

Nell’Alto Beneventano, al confine col Molise, ai piedi del Monte Mucre, cinquemila abitanti hanno diramato l’allarme. Il generale Sergio Costa, e già comandante provinciale di Napoli, ha guidato il Corpo Forestale in questa nuova Terra dei Fuochi. I seppellimenti di rifiuti tossici sono uguali a quelli presenti ad Acerra, Nola e Marigliano. In un’area di duemila metri quadrati, e a una profondità di tre metri, sono stati disseppelliti quintali di materiale ferroso, lattine, conserve arrugginite e batterie esauste. Nelle prossime settimane gli scavi riprenderanno per cercare, nello stesso sito, altri materiali ma a profondità più importanti (8-10 metri).

Le procure campane avevano formulato, nei mesi passati, l’ipotesi che le ecomafie, e specialmente la camorra, avessero organizzato un vero e proprio “progetto nazionale” per seppellire illegalmente materiali contaminati sia italiani sia extranazionali. Ipotesi che trova una parziale conferma alla luce delle ultime scoperte. Intanto alla Camera dei Deputati e al Senato, le commissioni sui rifiuti hanno accertato che in Italia scompaiono ogni anni venti milioni di metri cubi di rifiuti industriali.

Mentre i parlamentari scoprono l’acqua calda, il neonatologo Gaetano Rivezzi, attivo all’ospedale di Caserta, conta le giovani vittime e analizza i risultati degli istogrammi effettuati sui piccoli pazienti. “Un vero e proprio olocausto” dichiara Rivezzi. “Nell’ASL di Napoli tre, quella di San Giorgio a Cremano, Pomigliano e Nola nel 2009 i pazienti affetti da tumore erano 111. Nel 2012 sono diventate 266. Nel distretto di Frattamaggiore, invece, che conta oltre centomila abitanti, si va dai 136 di 4 anni fa ai 420 dell’anno scorso”.

Nell’ultimo mese ad Acerra quattro bambini, tra i 6 e i 10 anni, hanno contratto la medesima malattia: il medulo blastoma. Coincidenze? I roghi continuano ad ardere, oltre 1500 nel 2013, gli abitanti continuano a morire per tumore e le ecomafie proseguono impunemente le loro attività criminali e assassine. Tutto questo mentre il premier Renzi è a Detroit per vedere gli stabilimenti Crhysler e gli italiani attendono “con ansia” l’arrivo del nuovissimo iPhone6. Benvenuti nel Bel Paese.

Manuele Franzoso

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento