domenica, 16 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Notizie in breve
Pubblicato il 19-09-2014


Ravenna, scuola: meglio poco (e gratis) che niente

 “A qualche giorno dalla riapertura delle nostre scuole – afferma il Segretario Comunale del PSI di Ravenna Giacomo La Commare – ci preme porre all’attenzione dell’Amministrazione comunale un avviso pubblico emanato in luglio dall’Assemblea Regionale che titola ‘Cessione gratuita di beni mobili dismessi dell’Assemblea legislativa’. Lo facciamo  al fine di prevenire o almeno limitare le usuali, annuali polemiche su carenze, inefficienze e disagi del servizio pubblico, il cui bilancio, come spesso viene evidenziato nelle risposte alla cittadinanza, è ingessato dal Patto di Stabilità sottoscritto con lo Stato. Nell’elenco dei beni che la Regione intende cedere gratuitamente molti tornerebbero utili per sostituire o completare il patrimonio mobiliare degli istituti scolastici comunali. Teniamo a sottolineare inoltre, come si evince dal disciplinare per l’alienazione dei beni dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna, che quelli dichiarati fuori uso, e oggetto della cessione gratuita, non sono tra quelli definiti  inservibili,  bensì  riutilizzabili. Da ciò nasce l’invito all’amministrazione cittadina, qualora non si sia già attivata in tal senso, a prendere parte al bando entro i termini previsti. Potrebbe così realizzarsi – conclude – un certo ricambio e rinnovamento, a costo zero, delle attrezzature scolastiche, certamente utili al corpo docente, attrezzature che molto spesso  incidono, nel bene e nel male, su organizzazione ed efficienza del servizio pubblico”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento