giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pace e religione, un cumulo di banalità
Pubblicato il 11-09-2014


Questo giornale si unisce al dolore di parenti amici e colleghi delle suore Lucia Pulici, Olga Raschietti e Bernardetta Boggian, uccise brutalmente in Burundi mentre lavoravano per la salute delle donne e dei loro bambini.

Però se si dà credito ai media vaticaliani sembra che a preoccuparsi e lanciare accorati appelli contro la guerra (e la fame e la violenza e la povertà…) è solo il papa, anzi papa Francesco come adesso usa dire – per prendere le distanze dai predecessori?  – aumentando in questo modo, forse malgrado lui, la vanagloria del personaggio. Né Ue, né Nato, né Onu, né … né … né, ma spazio e attenzione e speranza alla comunità sant’Egidio, che da decenni continua a percorrere la strada per far incontrare le religioni, quest’anno con il convegno di Anversa dal titolo la pace è il futuro.

La comunità sant’Egidio  si è convinta, grazie alla malleveria di pigri giornalisti, di essere l’Onu di Trastevere (del resto ospitò con clamore il guerrafondaio presidente Bush jr i cui errori stiamo ancora e per chissà quanto tempo pagando)..
In realtà qualche decennio fa alcuni cooperanti di sant’Egidio si trovavano a Maputo e , avanzando dei posti a sedere riservati al nostro ministero degli Esteri, ne occuparono un paio, accreditando da allora l’idea che furono tessitori della pacificazione del Paese.
Altri risultati positivi non si conoscono, ma è noto, soprattutto ai romani, che sanno gestire molto bene per loro i soldi degli altri. Questa storia delle Nazioni Unite delle religioni è stata caldeggiata persino da un uomo colto e intelligente come Shimon Peres che ne ha parlato ad un estasiato papa.  Ma è un’idea nata morta.

Qualche anno fa anche il principe Hassan di Giordania ci tentò, perché i proponenti, sinceri democratici, non sono religiosi e credono nella mediazione. I leader religiosi (beninteso i capi non certo le persone normali per cui spesso la fede è una consolazione) invece sono convinti di essere depositari di verità, e chi ha la verità non cede di un mm. Le religioni non sono le uniche responsabili delle guerre ma ne sono gli attori principali. E chi è parte del problema non può essere la soluzione.

Tiziana Ficacci

dal blog liberelaiche

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Oh Tiziana Ficacci,
    quanto è triste unire il dolore sincero per l’uccisione di tre missionarie italiane in Burundi con la maldicenza che contraddistingue il seguito dell’articolo. Fa bene a citare i pigri giornalisti chi si ritiene libera e laica, soprattutto se volesse un minimo approfondire la notizia, verificare le sue fonti, magari leggere qualche libro in più di storia contemporanea e farsi un’idea più chiara su quanto espone sui giornali e sui blog. Non le pare? Libera di scrivere, senza dubbio, laica nelle posizioni o nella vita, stupendo.
    Faccio notare alcuni passaggi a mio avviso avventati. Onu di Trastevere è un nome attribuito al gruppo cattolico da un grande giornalista scomparso qualche anno fa, Igor Man. Credo che il suo spessore, le sue conoscenze, i suoi articoli, le sue interviste storiche, i suoi libri, siano qualcosa di unico nel panorama del giornalismo nazionale (al pari di Levi, Ferrari, Scalfari, Biagi, Montanelli. Forse anche per questo esiste un premio giornalistico a lui titolato…
    I cooperanti di Sant’Egidio non si trovavano per caso a Maputo negli anni ’80 né occupavano sedie libere del Ministero degli Esteri, si informi. Se qualcuno lo fa oggi lo fa a titolo personale, ma dopo trent’anni passati a mediare per la pace in Africa non potrà che beneficiarne il MInistero, glielo assicuro. Lo faccia per favore, si informi meglio, lo faccia anche per Laurindo e Madora che in Mozambico furono uccisi a causa di una guerra civile che fece un milione di morti. Lo faccia per tutti i giovani di Sant’Egidio uccisi più recentemente in Salvador, in Congo e in Guinea, lo faccia per Brigitte che è mancata qualche giorno fa a causa dell’ebola.
    Quando scrive della capacità di gestire soldi altrui dovrebbe spiegarsi meglio, se è al corrente di illeciti si rivolga immediatamente alle sedi giudiziarie competenti, ma se non è così sappia che sfiora gli estremi della diffamazione, ma lei che scrive lo saprà bene.
    Non sono le diverse fedi religiose a scatenare le guerre, spero che non sia così ingenua da crederci davvero, ma interessi economici, politici e militari che semmai si velano dietro a fini religiosi, puntualmente sconfessati dai leader religiosi come papa Francesco, come l’Islam qualche giorno fa, al convegno di Anversa, nei confronti dell’IS e del califfato, come fatto dal rabbino argentino amico di Bergoglio nei confronti di Israele.
    Se si vuole divertire un po’ in un gioco di geografia, la rimando alla lettura di Limes, periodico di geopolitica davvero interessantissimo ove trovo scritto che Sant’Egidio ha contribuito alla pacificazione non solo in Mozambico, ma a Mindanao, in Guatemala, in Colombia, in Kosovo, in Guinea e in Costa d’Avorio, in Centrafrica, in Casamance e a Cipro. Ha operato più silenziosamente come si conviene in questi casi nei Paesi baschi, in Irlanda, in Algeria, in Siria, in Libano, in Ucraina, in Albania, in Namibia e Angola, in Rwanda e Burundi, in Uganda del Nord e Sud Sudan, in Libia, Egitto, Tibet, Cina, Pakistan, Congo, Mali, Nigeria ecc.
    Un po’ di fatica, lo so, ma lo faccia anche in nome dell’Avanti!, cioè di quel gran giornale che nel ‘900 fu.
    I limiti di Sant’Egidio, sono gli stessi della Chiesa, delle chiese e religioni tutte: ragionare senza confini e senza divisioni, l’ingenuità sconfinata verso il prossimo, credere senza vedere, dialogare con tutti, proprio con tutti, laici e credenti, bianchi e neri, uomini e donne, bravi e cattivi. A proposito, Bush Junior, lei lo mette tra i cattivi e forse non a torto, sappia che nel mondo reale certamente la pace si fa col nemico!!! Saluti

  2. EVIDENTEMENTE LA STORIA NON INSEGNA NULLA, AI POPOLI….BASTA FARE UNA SINTETICA ANALISI DI QUESTI 2 MILLENNI PER COMPRENDERE CHE TUTTE LE GUERRE SONO STATE FATTE IN NOME DI UN DIO…A DESTRA E MANCA,IN SUBORDINE..LE GUERRE,E GENOCIDI….SONO ORIGINATE DAGLI AFFARI DI VENDITA ARMI E SFRUTTAMENTO DI RISORSE ENERGETICHE…SEMPRE A DESTRA E MANCA…TUTTO IL RESTO SONO CHIACCHIERE PER, E ,DA SALOTTI BENE…PUSILLAMINI…BUONISTI ,PIETISTI E D IPOCRITI CODARDI..NONCHE’ PAVIDI. DA CHE MONDO E MONDO….VALE, E VARRA’ LA LEGGE DEL PIU FORTE…IN OGNI DOVE. OVVIAMENTE IL FALSO DOLORE GENERATO DA OMICI TRUCIDAZIONI,GENOCIDIDI….,PULIZIE ETNICHE..ED ALTRO ANCORA…NON SARANNO FERMATI,MAI , DA PIGNIASTEI INDIVIDUALI O COLLETTIVI…GIUSTO PER LAVARSI COSCIENZA E FACCIA.IN SINTESI CONCORDO CON IL REDAZIONALEDELLA SIGNORA TIZIANA FICACCI…PERALTRO CON UN ENTUSIASMANTE COGNOME…..CORDIALMENTE DR. ADAMO ADAMAS KADMON

  3. menomale qualcuno parla dell’intoccabile sant egidio. informo che a roma per qualsiasi documento per gli stranieri a costo zero se fatto in comune bisogna passare da san egidio che il comune paga per l’operazione

Lascia un commento