mercoledì, 15 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Per la scienza è l’amore
la droga più sana
Pubblicato il 30-09-2014


AmoreAll you need is love, love is all you need cantavano i  Beatles negli anni ’60 e, molti àmbiti della vita umana – dalla letteratura alla musica, passando per il cinema e l’arte, hanno ruotato e ruotano attorno a questo sentimento. Ma negli ultimi anni anche la scienza ha cominciato a condurre indagini e studi scientifici sull’affettività e la sessualità. Sotto la lente dei microscopi – sempre più spesso – c’è la formula magica dell’amore e le sue misteriose dinamiche, ma anche ciò che gli gira intorno, come per esempio il comportamento nelle realtà virtuali online, i siti cosiddetti di dating (parola inglese che letteralmente indica l’attività di uscire per un appuntamento, ndr).

I SITI DI DATING – Chi non ricorda quel muro che scorreva, aprendosi, e rivelava il volto del partner scelto sulla base di alcune risposte? Erano gli anni ‘80 quando adattammo un format americano, The dating game – da noi diventato “Il gioco delle coppie” – programma televisivo di successo, in onda per un decennio, che aiutava i concorrenti nella ricerca dell’anima gemella. Dopo il muro scorrevole, negli anni duemila è stata la volta – con l’avvento di Internet – di Meetic e OkCupid, rinomati siti di dating, ma anche eDarling, attivo dal luglio 2010 e affermatosi come uno dei siti di incontri leader nel settore. Sulla base dei risultati di ricerche scientifiche – che hanno rivelato “bizzarre” reazioni psicologiche e fisiche riguardanti l’innamoramento e l’attrazione – eDarling ha stilato una lista di sette curiosità, ancora ignote, sull’Amore.

LE SETTE CURIOSITÁ SULL’AMORE – Sembra che il cuore di due persone innamorate riesca a battere alla stessa frequenza; in particolare il ritmo cardiaco della donna si adatta prima a quello dell’uomo che ama. Mentre sembra essere l’uomo il primo a dichiarare apertamente il proprio amore, soprattutto durante il primo mese di relazione. I ricercatori hanno inoltre condotto un esperimento sottoponendo alcune donne a delle lievi scariche elettriche mentre i partner tenevano loro la mano. Si è scoperto che la vicinanza e il contatto con la persona amata ha funzionato come il più forte degli antidolorifici. A livello biologico, la fase dell’innamoramento determina un abbassamento della serotonina nel nostro cervello che può condurre a un comportamento ossessivo e protettivo nei confronti del partner. Gli stessi livelli di serotonina, infatti, sono stati riscontrati in persone che soffrono di disturbi d’ansia o di panico. Inoltre, nella prima fase dell’infatuazione, il corpo umano produce dopamina in risposta a una sensazione di benessere, facendoci sentire così bene che proviamo quasi dipendenza dall’amore. Sul fronte della scelta del partner, una ricerca in campo evoluzionista ha scoperto che il segreto per una vita di coppia felice e duratura sarebbe quello della somiglianza fisica: tendiamo infatti a innamorarci di persone che hanno fattezze simile alle nostre. Probabilmente ciò dipende dal bisogno istintivo di riprodurre simili a noi. Infine, l’amore e la sessualità stimolano fantasia e creatività nel nostro cervello. Addirittura sembra che pensare ai momenti più intensi ed erotici della relazione aiuti a concentrarsi mentre si sta lavorando

Silvia Sequi

Fonte: eDarling

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento