martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Lunghi:
I candidati di Renzusconi
alla Consulta
Pubblicato il 19-09-2014


Anche per eleggere i rappresentanti  dei due rami del Parlamento alla Corte Costituzionale si fanno tantissime fumate nere, come avviene talvolta per eleggere un Papa o un Presidente della Repubblica, impedendo ai Parlamentari di stringere i tempi sulle riforme di struttura che anche l’Europa ci chiede. A me questo fatto sembra eccessivo. Dico questo alla luce  del fatto che – in apparenza –  tutti i partiti, nessuno escluso hanno gioito quando (non molto tempo fa  un Avv. ex Senatore) , competente ed imparziale ha sconfitto, proprio nella sede Costituzionale, la Legge Elettorale, il Porcellum, per le  Politiche e le Europee, costringendo il parlamento a proporre una nuova legge, che non sia contro i principi basilari della Costituzione. Ora si parla dell’Italicum, come Legge elettorale del futuro, un aborto delle larghe intese,  anch’essa in alcune parti incostituzionale. Si vuole “assolutamente”, mettere nell’Alta Corte i rappresentati di questi partiti affinché vadano ad approvare – qualora ci fosse  un ricorso Legale – un’altra Legge incostituzionale? E che dire degli oltre 160 voti ottenuti dall’Avv. Felice Besostri , durante le 13 votazioni sin’ora avvenute? E perché  mai, i due partiti maggiori PD e FI, osannano tanto  questi loro candidati che in fondo, contro il porcellum non risulta che si siano scaldati tanto?
Luciano Lunghi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento