venerdì, 25 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Siria, centinaia le vittime
dimenticate dai grandi media
Pubblicato il 04-09-2014


Giornalisti SiriaNessuna decapitazione, ma centinaia di sequestri, torture a morti e colpi d’arma da fuoco alla testa. Queste le modalità con cui duecentoquarantaquattro giornalisti e reporter arabi, per lo più siriani, sono stati uccisi nelle violenze in corso in Siria dal 2011 a oggi. Vittime spesso dimenticate dai grandi media, più concentrati a riportare le vicende dei giornalisti occidentali morti nel torturato Paese mediorientale.

A rendere noto il numero delle vittime è l’Ordine dei giornalisti siriani, composto da operatori dell’informazione non allineati al governo del presidente Bashar al-Assad. Durante lo scorso giugno sono stati uccisi tre siriani e un egiziano. Reporters Sans Frontiers l’organizzazione non governativa – che ha come obiettivo la difesa della libertà di stampa – calcola decine di giornalisti locali uccisi dall’inizio dell’anno. Le fonti indicano il regime di Damasco e i jihadisti dello Stato islamico come i principali mandanti ed esecutori di questi crimini.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento