venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Renzi e la storia
Pubblicato il 29-10-2014


Dopo quella tra Berlinguer e Craxi un’altra gaffe, voluta, del nostro presidente del Consiglio. Alla Leopolda ha detto che la sinistra non votò lo Statuto dei lavoratori. Il Psi che lo propose col suo ministro Brodolini, che morì l’anno prima della sua approvazione, era un noto partito di destra? Cosa ha voluto significare Renzi? Le possibilità sono cinque. La prima è che non voglia pronunciare il nome del Pci. Ha fatto un fioretto e anche solo ricordarne l’esistenza alla Leopolda è stonato. La seconda è che non ritenga il Psi un partito di sinistra. Oddio, questo da Renzi, proprio da lui, sì che sarebbe alquanto stonato. La terza è che abbia voluto rimproverare la sinistra, cioè il Pci, di non averlo votato. La quarta è che abbia voluto rimproverare il Psi di averlo voluto e votato. La quinta è, più probabilmente, che Renzi non conosca la storia..

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Non è un problema per lui(Renzi).Gli è capitato altre volte e chissà quante altre prima di andare in pensione.Ha toppato qui a Firenze ancora sindaco quando ha ricordato Frncesco Ferrucci morto a Gavinana(per lui un quartiere della città).E topperà tutte le volte in cui si farà precedere dalla fretta e dall’ignoranza chè molta.in questo è tutto Berlusconi.

  2. Caro direttore, la cosa vera di Renzi è quella da te indicata : cioè la quinta gaffe, egli non conosce la Storia e si muove nel clima imperante post/caduta del muro di Berlino: rimuovere la Storia socialista e ignorare le sue organizzazioni nel nostro Paese, malgrado la presenza di un’esponente socialista nel suo governo.

  3. La quarta e la quinta ipotesi sono le più plausibili.Con una possibilità di vantaggio della quinta.In questo, va detto, Renzi non è solo.E’preoccupante il livello di ignoranza in materia politica e storico-politica (ma non solo) di molti giovani che si lanciano in politica, arrivano ad occupare anche posti di responsabilitá importanti e sono portat,i come lo stesso Renzi, a tentare di nascondere tale loro inadeguatezza, dicendo che non si può restare
    attaccati al passato,camminare guardando indietro e via con un interminabile sciocchezzaio di questo genere.

Lascia un commento